NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Come ci si prepara e si vive il Natale

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

La Nascita di Gesù, se lo vogliamo, può cambiare le sorti di ciascuno di noi e di questo nostro mondo. Dalla Madonna Santissima impariamo come attendere e vivere il Natale.
Dio ci parla in tanti modi, e ci propone il bene a vantaggio nostro e di tutti, anche a costo di eventuali sacrifici e incomprensioni.
Se Giuseppe non fosse stato uomo giusto e uomo di fede, la Vergine Maria avrebbe corso il rischio di venire lapidata a causa di quella gravidanza tutta speciale;
sotto la Croce l’Immacolata diventerà l’Addolorata.
Ma con quel SI’ di Maria abbiamo potuto contemplare il volto di Dio, abbiamo visto il Salvatore.
Quando si ascolta Dio e si è pieni di Dio, si va incontro al prossimo, si aiuta il prossimo, proprio come fece Maria che andò con sollecitudine ad aiutare la cugina Elisabetta.
Questa è la volontà di Dio; così si fa la volontà di Dio.
È ben lontano dalla verità chi pensa di ridurre la volontà di Dio a “sacrifici e offerte”.
L’atto di culto a Dio non si riduce ai momenti passati in Chiesa, ai momenti di preghiera e di offerte, ma è tutta la vita, dalla mattina alla sera, dalla sera alla mattina, vissuta bene, operando bene.
Quando poi si vive così, si comunica gioia, si loda e si benedice Dio, proprio come hanno fatto Gesù e la Madonna.
“Appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, disse Elisabetta a Maria, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore ”! Maria replicò: ”L’anima mia magnifica il Signore, e il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore”.
Un giorno Gesù parlava alla folla, e una voce tra gli ascoltatori entusiasti disse: “Beato il grembo che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte”! E Gesù, alzando gli occhi al cielo, disse: “Ti benedico, o Padre, perché hai rivelato queste cose ai semplici e agli umili”.
Lo Spirito Santo, che ha reso il grembo della Vergine Maria prima culla del Figlio di Dio, renda anche noi templi in cui abita Dio, ricolmi di bene da vivere e da diffondere, a vantaggio nostro e di tutti.
Così ci si prepara al Natale,
così si vive il Natale.
Così sia ! Amen !
P. Nicola Fiscante, Missionario Redentorista