NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
08
Thu, Dec
65 Nuovi articoli

III Domenica ordinaria dell’anno liturgico C- GESÙ OGGI PER NOI

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

Abitualmente si ha l’impressione di sapere tutto del Vangelo, ma rileggendolo attentamente scopriamo sempre delle novità, in quanto, a seconda di come stiamo vivendo, Gesù è la risposta alle nostre esigenze.
Ai pastori di Betlemme fu detto dagli Angeli: Oggi vi è nato il Salvatore.
A Zaccheo, che aveva deciso di vivere onestamente, Gesù dice: Oggi su questa casa è scesa la salvezza.
Dinanzi al paralitico, perdonato e guarito, la folla esclama: Oggi abbiamo visto cose prodigiose, Dio ha visitato il suo popolo.
Ad uno dei ladroni, crocifisso e pentito, Gesù dirà: Oggi stesso sarai con me in Paradiso.
Gesù non è uno che commenta le profezie, o i vari scritti dell’Antico Testamento, ma è Colui che realizza quanto i profeti avevano predetto.
Il popolo d’Israele dinanzi al sacerdote Esdra, che proclamava la legge di Dio,
piangeva di commozione perché Dio era tornato a parlargli, e Israele non era più il popolo abbandonato e disperso; un giorno poi sarebbe stato visitato dal Messia.
Gesù proclama a Nazaret che con Lui quel giorno è arrivato ! ! !
È Gesù a fondamento della nostra fede, e non una dottrina, una filosofia, un’etica.
A ragione l’evangelista Luca all’inizio del suo Vangelo precisa che si è documentato accuratamente sugli avvenimenti riguardanti Gesù, perché abbiamo la certezza che quanto ci viene detto di Lui ha solide fondamenta. Se dunque di Gesù ne abbiamo conosciuto l’esistenza e ne siamo rimasti affascinati, qualunque cosa ci capiterà nella vita, potremmo dirne e farne di tutti i colori, ma Lui rimane sempre il Dio che si è fatto uomo per nostro amore, per salvare l’umanità.
Ora possiamo riprendere anche le esortazioni dell’apostolo Paolo alla scuola di Gesù. Nella Chiesa, nella società, sono tanti i ministeri, i compiti, i carismi, ma tutti per il bene comune. Se ciascuno compie bene il suo lavoro tutti stiamo meglio, proprio come avviene nel corpo umano: se tutte le membra funzionano bene, il corpo sta bene, io sto bene.
Le varie membra sono le persone che lavorano nei diversi settori della società, sono gli Istituti Religiosi, sono i Movimenti nella Chiesa, ciascuno con il proprio carisma, siamo tutti noi cristiani, che, vivendo bene, come ci ha insegnato Gesù, rendiamo la Chiesa più santa e l’umanità più bella.
Vogliamo esprimere i nostri sentimenti così:
Signore Gesù, ti diamo la nostra voce, perché Tu continui a parlare al mondo,
ti diamo le nostre mani, perché Tu faccia del bene a tutti,
ti diamo il nostro cuore, perché Tu possa amare sempre.
A M E N !
Padre Nicola, Redentorista