NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec
56 Nuovi articoli

Giugno mese dedicato al Sacro Cuore di Gesù

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

Nel nostro parlare quotidiano quando diciamo cuore intendiamo o la salute o la vita affettiva. Questa sera ci riferiamo al secondo aspetto, anche  parlando del cuore di Gesù. Si dice : “Ti amo con tutto il cuore”, oppure: “Nutro un odio cordiale”.   La persona cioè  è coinvolta nella sua totalità, pensieri, sentimenti, parole, progetti,  azioni.

Entra in campo  la coscienza, l’intelligenza, la volontà e l’agire in bene o in male. Cuore ed apparenza Nei nostri rapporti umani ciò che conta è l’atteggiamento interiore; e questo si rivela in tutto il nostro agire; l’esterno dell’uomo deve essere lo specchio del suo intimo. Il volto e il nostro sguardo  ad esempio rivelano i sentimenti più profondi di gioia, di dolore, e di indifferenza; le parole comunicano i nostri pensieri; le nostre azioni rivelano ciò che sì siamo.    Perciò diciamo il vero quando affermiamo che Gesù ci ha reso visibile l’invisibile Dio: “Dio nessuno l’ha mai visto, il Figlio unigenito ce lo ha rivelato”. Col suo agire Gesù ci fa conoscere il cuore di Dio, i suoi sentimenti, tutto il suo amore. “Le opere che io compio, manifestano chi sono io”, diceva Gesù.

Falsità. L’uomo però ha la tremenda possibilità della doppiezza: pensa una cosa e ne dice un’altra. La Bibbia denuncia con forza tale atteggiamento: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me”. ( Isaia 29,13)
Si pretende di accontentare Dio con un culto esteriore, con belle parole; ma non si riesce ad ingannarlo, come troppo spesso inganniamo l’uomo. Perché ordinariamente l’uomo si ferma all’apparenza, mentre Dio guarda al cuore. (1Samuele 16,17)
Dio scruta il cuore e conosce ciò che è in ogni uomo. (Geremia 17,10)
Amare
Per trovare e amare Dio, ed anche per trovare ed amare l’uomo, bisogna farlo con tutto il cuore (volontà, intelligenza, passione), in pensieri, parole ed opere.
Quando la Bibbia parla di cuore incirconciso intende un cuore diviso, addirittura di prostituzione. Perciò occorre lacerare il cuore e non le vesti (Gioele 2,13);  “profumati il capo” e prega il Signore di “creare in te un cuore nuovo”. Sono ancora troppi che in petto hanno il cuore di pietra e non di carne, hanno il cuore duro.  Anzi, troppo spesso, assistiamo con raccapriccio a gente senza cuore.
Concludendo
Il Vangelo umanizza l’uomo; ce n’è  estremo bisogno in una società disumana. Preghiamo, imparando da Dio come ce lo ha rivelatoci Gesù, dicendo dal profondo di noi stessi: Beato quel cuore che sempre sta fisso in Dio crocifisso che tanto ci amò ! Grazie, Gesù; rendi il nostro cuore simile al tuo. Amen !

Padre Nicola Fiscante, Redentorista