NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec
53 Nuovi articoli

XI Domenica (anno C). Dire la verità con amore, riconoscendoci per quello che siamo …

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi


Il nostro parlare, più di qualche volta, è vellutato per non offendere nessuno, “ cittadini e cristiani da salotto”, tanto contestato da  papa Francesco;  o, come da troppo tempo si suol dire,  politicamente corretto, indisponendo non pochi di noi.  Gesù agisce diversamente e contesta tale atteggiamento.                                                                                
Simone, di cui abbiamo sentito dal racconto evangelico, critica in cuor suo Gesù per il suo comportamento nei riguardi della peccatrice “si lascia  baciare ed abbracciare”; Gesù, con affetto e amore, corregge Simone, facendolo riflettere profondamente.
Il Salvatore è venuto a cambiare il cuore e la vita degli uomini; non è venuto a esporre una dottrina, pur bella e importante che sia.
La donna del Vangelo, che ama ed è  perdonata,  ritrova la gioia di vivere.                                                                              
Gesù  è venuto incontro agli uomini per salvarli dalla freddezza di un mondo che non sa amare, ma parla …, parla …,  e ancora parla …, e le cose rimangono come prima, anzi si contribuisce a che la situazione peggiori.
Chi accetta Gesù, si vede scaturire dentro una vita nuova, come fu per gli Apostoli, per la Maddalena e le altre donne del Vangelo, che seguirono Gesù per servire Lui e gli Apostoli con i loro beni.    Altro che chiacchiere ! ! !
Siamo invitati a riconoscere la verità nei riguardi di Dio e di noi stessi, e realizzare qualcosa di meglio.
Guardandoci per quello che siamo e avremmo potuto  essere, per quello che avremmo potuto fare,  ci sovviene il ritornello del grande  e simpatico ciclista Gino Bartali:  “l’è tutto da rifare !”  .
Dio buono, tre volte santo, ci ha creati a sua immagine e somiglianza; quindi ci ha fatti bene !
Gesù fece bene ogni cosa, passò facendo del bene a tutti, e diceva:  “imparate da me”.
Con il re Davide dobbiamo avere l’umiltà e il coraggio di ripetere: “Abbiamo molto peccato” !

In conclusione
Non a caso il Dio che si è fatto uomo si chiama Gesù, che significa Salvatore, perché ci salva dai nostri peccati e ci dà l’aiuto per vivere una vita nuova, nella giustizia e  santità.
Con profonda convinzione vogliamo pregare:
O Dio, che non ti stanchi mai di usarci misericordia, soccorrici con la tua grazia, perché, lungo le strade del mondo, diffondiamo il messaggio evangelico di riconciliazione e di pace, nelle intenzioni e nelle opere.

Amen !                                                                                                                      
Padre Nicola Fiscante,  Redentorista