NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Thu, Aug
22 Nuovi articoli

Sa cida sulcitana in curtzu. Dae su 24 a su 31 de gennàrgiu.

Novas in Sardu (LSC)
Aspetto
Condividi

Is ùrtimos agiornamentos comunicados dae is comunos (bècios ormai de una cida) cunfirmant ca su covid est sighende a ispainare. Infatis asserit ca in S.A. Arresi nc’at 88 positiovos e 644 in Igrèsias. in S. G. Suèrgiu su sìndigu, dae chi martis ATS iat nadu ca is casos fiant 185, ma cunsiderende is ritardos in s’agiornamentu de is datos is ammininistradores pentzaiant a assumancus a 240 casos, at fatu un’ordinàntzia su 25 de gennàrgiu chi at praticamente postu sa bidda in lockdown (bar e ristorantes abertos dae is 5:00 a is 18:00, firmadas totus is atividades isportivas, iscolas tancadas e òbbligu de mascaredda in totus is logos aundi si podent formare atrupèlios de gente). Sàbudu in sa pàgina Facebook “Comune di San Giovanni Suergiu” est aparèssidu unu comunicadu in ue si naraiat ca is casos sunt calados a lestru a 130 pròpiu gràtzias a s’ordinàntzia de su sìndigu. Calincunu at cummentadu, in manera sarcàstica, ca sena de duda sa variante “omicron” si depet èssere firmada a lìghere s’albu pretòriu de su Comunu e at detzìdidu de si nde andare dae sa bidda sulcitana. Siguramente nùmeros artos meda puru in Masainas aundi su sìndigu at fatu serrare totus is impiantos isportivos ma no at postu àteras limitatziones (cosa curiosa meda). In su mentris is iscolas s’elencu de is iscolas chi fiant serradas cida passada si allonghiat ancora.

Giòbia sa diretora generale noa de sa ASL8 Giuliana Campus est intervènnida in videocunferèntzia in su Consìliu Comunale de Carbònia chi fiat dedicadu pròpiu a is temàticas de sa sanidade e at assiguradu chi sa furriadura a repartu covid (chi est giai totu prenu e nc’at patzientes covid fintzas in su CTO) de meighina generale de su Sirai est sceti provisòria ma est essiddu a pillu un’àteru problema mannu meda. Is laboratòrios de is ispidales sulcitanos no arricint prus is utentes esternos dae s’acabu de s’annu passadu, duncas is chi tenent abisòngiu de anàlisi depent andare a che is laboratòrios privados chi ant giai ispaciadu su budget (cosa chi costumaiàt a acuntèssere a s’acabu de s’annu) e ddis tocat a pagare dae sa busciaca insoru. S’assòtziu de is diabèticos at protestadu e sa gente comuna est arrennegada meda. Pro imoe ant agatadu una solutzione, semper provisòria: is campiones de su Sulcis ant a èssere analizados in su Policlìnicu Universitàriu de Pauli chi a pustis nc’at a mandare is resurtados via e-mail. Ancora una borta sa sanidade “casteddaia” depet donare una manu de agiudu a su Sulcis. Custu paret un’àteru sinniale craru de su fatu ca is resorsas (econòmicas e umans) a livellu regionale nche sunt ma sunt cuntzentradas in su “tzentru” e fortzis is detzisores polìticos e massimamente is detzisores tècnicos iant a deper resonare a pitzus de una ispartzidura prus echilibrada chi non siat contras a is “periferias” de Sardigna chi sunt medas e sunfrint semper de prus.

In S.G. Suèrgiu, dae chi s’amministratzione comunale s’est posta de acòrdiu cun s’ARST, ant incumentzadu is traballos pro recuperare s’edifìtziu de s’ex istatzione FMS. Is operàios ant isboidau s’istrutura chi fiat prena de dònnia ratza de refudu, arrangiadu sa crobetura chi fiat arruende e sunt intonachende is faciadas ca sunt totu coreddadas a spray. S’istatzione de Santuanni pro annos meda (dae su 1926 a su 1974) fiat su nuu ferroviàriu prus importante de su Sulcis e duncas at tentu unu ruolu mannu in s’isvilupu de sa bidda e s’amministrazione comunale tenet giai unas cantu ideas pro s’impreu in su bendidore integrende s’istrutura in is progetos de isvilupu territoriales.

Is sìndigos de s’Unione de is comunos de su Sulcis a s’acabu de s’annu passadu si fiant chesciados pro su fatu chi su Geoparco fiat blochende pràticas edilìtzias meda (unas 150 is chi sunt firmas) proite ca non donat is autorizatziones e is parridades de cumpetèntzia sua. Custa cida est arribada sa risposta de Ciro Pignarelli, diretore de su Geoparco chi est ispantosa meda: su Geoparco, in custu momentu, non tenet is figuras chi podent cunvocare su comitadu tècnicu (presidente o comissàriu) e at invitadu a is comunos protzedere cun is pràticas proite ca est difìcile meda chi a pustis arribit una parridade negativa. Fatu istat chi is funtzionàrios preferint – e tenent resone! – a no andare a innantis proite est giai sutzèdidu, in situatziones sìmbiles, chi siant arribadas denuntzias penales e duncas non si fidant. A s’acabu de is contus a comente semper su chi pagat is conseguèntzias est semper su tzitadinu.


ITALIANO
Dal 24 al 31 gennaio.
Gli ultimi aggiornamenti comunicati dai comuni, ormai vecchi di una settimana, confermano che il covid continua a diffondersi. Risulta che in S. A. Arresi ci siano 88 positivi e 644 in Iglesias. A S.G. Suergiu la sindaca, dopo che martedì ATS ha comunicato 185 casi - ma considerato il costante ritardo nell’aggiornamento da parte della stessa ATS, gli amministratori ritenevano plausibili 240 casi - ha emesso un’ordinanza che ha di fatto messo il paese in lock-down (bar e ristoranti chiusi dalle 18 con asporto consentito, scuole chiuse, fermate tutte le attività sportive e obbligo della mascherina all’aperto in tutti i luoghi ove si potessero formare degli assembramenti). Sabato nella pagina Facebook “Comune di San Giovanni Suergiu” è stato comunicato un drastico calo dei casi (130) in pochi giorni proprio grazie all'ordinanza del 25 gennaio. Qualcuno ha commentato sarcasticamente che la variante “omicron” deve essersi soffermata a leggere l’albo pretorio comunale e ha deciso di lasciare il paese sulcitano. Probabilmente numeri alti anche a Masainas dove il sindaco ha ordinato la chiusura di tutti gli impianti sportivi ma, fatto piuttosto curioso, non ha imposto altre limitazioni. Nel frattempo l’elenco delle scuole chiuse si è allungato ulteriormente.

Giovedì la nuova direttrice generale della ASL8 Giuliana Campus è interventa in videoconferenza al Consiglio Comunale di Carbonia dedicato proprio alle tematiche della sanità ed ha assicurato che la trasformazione del reparto di medicina generale del Sirai (è già al “completo” e si segnala la presenza di pazienti covid anche al CTO) è solo provvisoria ma è emerso un altro grave problema. Infatti dalla fine dell’anno scorso i laboratori analisi del CTO e del Sirai non trattano più i casi degli utenti esterni e dunque i cittadini sono costretti a rivolgersi a strutture private che nel frattempo hanno già esaurito il budget disponibile e di conseguenza devono pagare di tasca loro le analisi. Immediata la protesta dell’associazione dei diabetici ed è percepibile il malcontento di tanti cittadini. Per ora è stata trovata una soluzione, sempre da considerarsi provvisoria: i prelievi dei sulcitani saranno analizzati al Policlinico Universitario di Monserrato che invierà il referto via e-mail. Dunque ancora una volta la sanità “cagliaritana” verrà in soccorso del Sulcis ma questo fatto sembra essere un ulteriore segnale che le risorse (economiche e umane) a livello regionale esistono ma che sono concentrate nel “centro” e perciò i decisori politici e soprattutto quelli “tecnici” dovrebbero ragionare su una divisione più equilibrata che non sfavorisca le tante “periferie” che sono sempre più sofferenti.

A S.G. Suergiu dopo che l’amministrazione comunale ha trovato l’accordo con l’ARST, sono iniziati i lavori per recuperare l’edificio dell’ex stazione FMS. Gli operai hanno svuotato la struttura che nel tempo si era riempita di rifiuti di ogni genere, aggiustato il tetto pericolante e stanno provvedendo a intonacare nuovamente le facciate completamente ricoperte da scritte. La stazione di San Giovanni per tanti anni (dal 1926 al 1974) è stata lo snodo ferroviario più importante del Sulcis e ha dato un contributo determinante nello sviluppo del paese e l’Amministrazione comunale ha già alcune idea per l’impiego dello stabile in futuro integrandolo nei progetti di sviluppo territoriale.

I sindaci dell’Unione dei Comuni del Sulcis a fine anno si erano lamentati per le pratiche edilizie bloccate dal Geoparco (circa 150) poiché questo ente non dava le autorizzazioni e i pareri di sua competenza. Custa settimana è arrivata la risposta di Ciro Pignarelli, direttore del Geoparco, che lascia piuttosto basiti. Il Geoparco al momento non ha le figure che possono convocare il comitato tecnico (presidente o commissario) e dunque ha invitato gli enti locali a procedere perché difficilmente arriverà in seguito un parere negativo. Il fatto è che i Comuni preferiscono non procedere perché già in passato in situazioni simili si è proceduto e sono arrivate le denunce penali e in sostanza i funzionari non si fidano e preferiscono, giustamente, non correre rischi. Alla fine dei conti chi paga le conseguenze di una burocrazia lenta e farraginosa è sempre il cittadino.