NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Thu, Aug
22 Nuovi articoli

Sa cida sulcitana in curtzu. Dae su 14 a su 20 de Friàrgiu

Novas in Sardu (LSC)
Aspetto
Condividi


Lunis passadu unu grupu de tzitadinos est andadu a se sea de s’Igene Pùbblica de bia Costituente in Carbònia a protestare proita ca no arrinneschiant a otènnere su green pustis chi sunt sanados dae su covid. Sunt dèpidas intervènnere duas patùglias de is carabineris pro assigurare chi sa situatzione abarressit trancuilla. Is tzitadinos si sunt chesciados proite chi nemus donat ispiegatziones craras e no ischint a chini depent pregontare pro otènnere su documentu chi est in pràtica obbligatòriu pro bìvere una vida normale.


Dae martis passadu Ignazio Locci, dae chi sunt passados 7 meses e ancora no arribat su dotore de famìlia chi ammancat in Sant’Antiogu, est aprontende una protesta clamorosa. Infatis su comunu, cun sa collaboratzione de s’Assòtziu Natzionale de is Carabineris, at a regòllere is mòdulos de rechesta de su dotore de famìlia a pustis su sìndigu etotu nche-ddas at lòmpere a is ufìtzios de sa ASL de Carbònia e ddas at a fàere protocollare a manera chi torrint risposta iscrita a totus is istàntzias.

Semper martis su CIPESS, chi est su Comitadu interministeriali pro sa programmatzione econòmica e sa s’isvilupu sustenìbile, at pubblicadu s’elencu de is risorsas econòmicas prevèdidas in su PNRR pro is investimentos in istradas, ferrovias e infrastruturas cumplementaris. Unos 90 miliones di èuros sunt destinados a traballos in su Sulcis. Ant prevèdidu interventos in istradas provintziale 74 (Tratalias-Giba), 78 (Carbònia-Narcau), sa 75 (Bruncu Tèula), 108 (Gonnesa-Portescusi), sa 105 (Bugerru-Frùmini Majori) e puru in su cavalcavia de Campu Pisanu, e in is istradas istatales 195 e 293. Nc’at dinari puru pro is portos de Caleseda e de Bugerru (4 miliones in totu) e pro s’eletrificatzione de su truncu de sa ferrovia sulcitana e pro fàere su binàriu dòpiu dae Bidda Massàrgia a Deximomannu.

In su mentris ant incumentzadu àteros traballos de importu mannu in is istradas de su territòriu. Sa Provìntzia de su Sud Sardigna at fatu torrare a asfartare unu tretu de sa SP 86 (unu kilòmetru e mesu dae s’essida de Bidda Massàrgia conca a Igrèsias) e at fatu puru assetiare totu is partes prus afungadas. Ant incumentzadu puru is traballos pro su fraigare su passàgiu pro chi is pelligronos de su Camminu de Santa Bràbara potzant sartare sa SS 126 sena de perìgulu pro arribare a sa Grande Miniera. S’ANAS, fintzas a su 27 de friàrgiu, at serradu a su tràficu su tretu chi abarrat intr’e is rotondas printzipales pro intrare a Carbònia e duncas podent passare sceti is residentes e is chi tenent is atividas e is clientes insoro. Giòbia ant incumentzadu a torrare a fàere su ponte de Funtanamare in territòriu de Gonnesa. Is traballos iant a deper acabare su 30 de mese de làmpadas chi benit. Cunsiderende chi nc’at bòfidu giai 2 annos intr’e progetos e protzeduras burocràticas (su ponte nde fiat arrutu is primas dies de abrile de su 2020) est capassu, si totu andat bene, chi su ponte chi nd’est arrutu 3 meses a coa in sa SP 77 (chi collegat Santadi a Teulada) siat prontu in su 2024.
Ocannu puru su Comunu de Santu Giuanni Suèrgiu at otentu s’atestadu de “ Comune rifiuti free”, unu prèmiu chi Legambiente donat a is comunos chi si nde istallant is regorta de s’àliga: infatis in Santuanni sa produtzione de refudos non seberados est asuta de bàscia de su 75 kg pro residente e in su 2020 est resèssidu a seberare s’81% de totus s’àliga chi est unu de is mellus datos a livellu regionale. Sunt cuntentos meda de custu resurtadu is amministradores chi ant presentadu unu progetu a intrus de su PNRR pro ammeliorare ancora de prus sa regorta de s’àliga.
Sunt semper pagos is agioramentos in contu de s’ispainadura de su covid, ma is nùmeros sighint a calare: s’ùrtimo agiornamentu de Domunosa narat 113 casos (2 cidas a coa fiant 132) e su comunu de Santadi faet ischire chi sa situatzione s’est istabilizada a 50 casos.

 Roberto Pinna

ITALIANO Dal 14 al 20 febbraio
Lunedì scorso un gruppo di cittadini si è recato presso la sede dell’IGiene Pubblica di via Costituente a Carbonia con lo scopo di ottenere spiegazioni sul mancato ottenimento del green pass da guarigione. Sono intervenute due pattuglie dei Carabinieri per evitare che la situazione potesse degenerare. I cittadini si sono lamentati per il fatto che nessuno forniva spiegazioni chiare su come ottenere il documento, ormai diventato di fatto obbligatorio per condurre un’esistenza normale.


Martedì invece Ignazio Locci, sindaco di S.Antioco, ha iniziato una protesta clamorosa. Infatti dopo aver spiegato che ormai da 7 mesi manca un medico di famiglia a S. Antioco e dopo averle tentato molte strade, ha decisio, con la collaborazione della locale Associazione dei Carabinieri di mettere a disposizione dei cittadini il modulo per la richiesta del medico di famiglia per coloro che ne fossero sprovvisti e in seguito lui stesso avrebbe portato le richieste agli uffici ASL di Carbonia affinché questi diano una risposta ad ogni singolo cittadino.


Martedì il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile, ha pubblicato l’elenco delle opere con le relative risorse economiche che sono state previste nella sezione del PNRR che riguarda gli investimenti in strade, ferrovie e infrastrutture complementari. Circa 90 milioni di euro sono stati destinati ad opere che interessano il Sulcis Iglesiente. Sono stati stanziati fondi per mettere in sicurezza: la Strade Provinciali: 74 (Tratalias-Giba), 78 (Narcao-Carbonia), SP 75 (Bruncu Tèula), 108 (Gonnesa-Portoscuso), 105 (Buggerru -Fluminimaggiore), il cavalcavia di Campo Pisano oltre ad interventi lungo la Strade Statali 293 e 195. Sono previsti inoltre interventi per i porti di Calasetta e Buggerru e alcuni interventi sulla rete ferroviaria sulcitana (elettrificazione e raddoppio del binario nel tratto Villamassargia-Decimomannu).

Nel frattempo lungo le martoriate strade del nostro Sulcis sono altri interventi importanti. Infatti è stato riasfaltato un kilometro e mezzo della SP 86 (dall’uscita di Villamassargia verso Iglesias) e sono stati sistemati i tratti più ammalorati. Nel frattempo l’ANAS, fino al 27 febbraio, ha chiuso al traffico la SS 126 tra le due rotonde principali di accesso a Carbonia per pemettere la realizzazione del sovrappasso che permetterà l’attraversamento in sicurezza per i pelligrini del Cammino Minerario di Santa Barbara. Rimane consentito l’accesso ai soli residenti e ai titolari delle attività economiche ubicate lungo il tratto stradale in questione. Giòvedi sono finalmente iniziati i lavori per il rifacimento del ponte di Fontanamare a Gonnesa. La consegna dell’opera è prevista per il prossimo 30 giugno. Considerando che ci sono voluti quasi due anni, tra progettazione e procedure burocratiche per far partire l’opere – il ponte era crollato ai primi di aprile 2020 a seguito del passaggio di un autocompattatore lasciando miracolosamente illesi gli occupanti del mezzo – è possibile che, se tutto quanto andrà per il meglio, il ponte crollato lo scorso 15 novembre sulla SP 77 che collega Santadi e Teulada, sia pronto per il 2024.

Anche quest’anno il comune di S. Giovanni Suergiu ha ottenuto da Legambiente l’attesta di “Comune Rifiuti free”, un riconoscimento che viene assegnato dall’associazione ambientalista ai comuni che si distinguono per i risultati ottenuti nella raccolta differenziata dei rifiuti. Nel 2020 la produzione di rifiuti non separati a S. Giovanni è risultata essere inferiore ai 75kg per abitante e nel centro sulcitano sono riusciti a differenziare l’81% dei rifiuti prodotti. Gli amministratori sono molto soddisfatti del risultato ottenuto e hanno presentato un progetto nell’ambito del PNRR per migliorare ulteriormente la raccolta differenziata dei rifiuti.

Gli aggiornamenti forniti dai comuni riguardo la diffusione del covid-19 continuano a scarseggiare, ma i pochi dati disponibili confermano che l’andamento in decrescita. Infatti a Domusnovas risultano ancora 113 positivi (2 settimane fa erano 132), mentre il comune di Santadi dopo oltre un mese ha reso noto che la situazione si è stabilizzata a 50 casi.