NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Thu, Aug
22 Nuovi articoli

Sa cida in curtzu. Dae su 21 a su 27 de friàrgiu

Novas in Sardu (LSC)
Aspetto
Condividi

SARDU
Lunis a pustis de 6 meses su Guvernu at nomenadu unu commissàriu pro su Geoparco. Est sa dotora Elisabetta Castelli, funtzionària de su Ministeru de s’Ambiente, chi at a traballare impari a su subcommissàriu Gianmaria Lai chi est funtzionàriu de s’assessoradu regionale a s’indùstria. Non sunt pagos is amministradores locales chi ant fatu unu pagu de “murrus de angioni” pro sa nòmina de una persona foresa chi depet dirìgire un’ente mannu meda (81 comunos ispartzinados in totus is provìntzias sardas) e chi non connoscit su territòriu e bident su perìgulu chi potzat leare detzisiones isballiadas. Fatu istat ca su Geoparco, semper ghiadu dae presidentes e commissàrios “locales” benit dae annos de fallimentos e tenet unu muntoni de pràticas arretradas duncas podet èssere chi un’ “istràngia”, chi tenet un’esperièntzia amministrativa manna meda in sa diretzione de entes sìmbiles in “continente” potzat assetiare un’istrutura chi no arrinnescit a prodùere nudda de bonu.

In Igrèsias sa giunta comunale at aprovadu su progetu pro torrare a cualificare su cuartieri “Case Operaie – Rione Paraguay”. Su progetu prevedit de fàere una pratzita e àreas de parchègiu, de arrangiare sa pista pro patinare, de aderetzare su birde pùbblicu e de nde bogare totus is barrieras architetònicas. Su sìndigu Mauro Usai at nadu ca su cuartieri est ricu de istòrias e minescit totu s’atentzione de s’amministratzione comunale e, de chi ant a acabare is traballos, is residentes ant a tènnere unu logu nou pro fàere agregatzione.

Giòbia sa giunta comunale de Caleseda at deliberadu de pònnere a disponimentu de is dotores de Carloforte chi atendint is tzitadinos calesatanos is locales de “Mare Produce” in su lungomare Avezzano. Duncas dae su primu de martzu is dotores ant a tènnere una sede pro arricire is patzientes insoru e ant pòdere fàere su traballu insoru prus bene.

In Sant’Antiogu sighit su programma de rimotzione de is veturas isbandonadas in su territòriu. Su programma est incumentzadu in s’istade su 2019, candu sa politzia locale iat contadu 89 veiculos. Sceti custa cida passada nd’ant bogadu 19 dae su bia pùbblica, fintzas gràtzias a sa collaboratzione de is meres. Nd’abarrant ancora 16 ma fintzas a imoi est cuntentu de su traballu chi at fatu sa politzia muncipale su sìndigu Nàssiu Locci.

Medas comunos sulcitanos ant fatu ischire ca sunt prontos a arricire is adesiones de is tzitadinos e de is assòtzios chi sunt disponìbiles a ospitare pròfugos e disterrados ucrainos. Chini est interessadu podet mandare una email a s’indiritzu lassende nominativu, nùmeru de telèfunu e su tipu de ospitalidade chi bolet donare. S’ispera de totus est chi is chi cumandant si setzant a mesa e firmint is armas pro chi arresonint pro risòlvere is problemas sende ca in calisisiat gherra is chi sunfrint e patint de prus sunt semper is prus pòberus e is prus dèbiles.

Pro su chi pertocat su covid is agiornamentos sunt semper pagos: est istàbile su datu de Giba (ancora 24 positivos), abàsciat unu pagu in Portescusi (dae 75 a 62), calat in manera prus detzisa in Domunosa (dae 113 a 70).
Sa nova prus bona e chi a pustis de 2 annos de emergèntzia covid (fiat incumentzada pròpiu in custu tempus in su 2020), custu fin’e cida ant torradu a fàere festas de carnovali in pratza. Inffatis fiant prenas de gente pratza Roma in Carbònia (sàbudu a merie) e pratza Ferralasco in Sant’Antiogu (dòminigu a mengianu e a merie). Cunsiderende chi su tempus chi seus bivende est bastante lègiu, unu pagheddu de ispàssiu, massimamente a is pipios, at fatu sceti che bene.

ITALIANO
dal 21 al 27 febbraio

Lunedì scorso, dopo 6 mesi il Governo ha nominato il commissario per il Parco Geominerario. Si tratta della dottoressa Elisabetta Castelli, funzionaria del Ministero dell’Ambiente, che lavorerà assieme a Gianmaria Lai, funzionario dell’assessorato regionale all’industria. Sulla carta stampata alcuni amministratori locali hanno storto il naso per la nomina di una persona estranea al territorio, altri hanno espresso la delusione per la mancata nomina di un sardo alla guida di un ente che è molto vasto, visto che si estende su ben 81 comuni. Tuttavia il Geoparco, sempre guidato da presidenti e commissari locali viene da anni di fallimenti, come ad esempio l’uscita nel 2019 dalla rete mondiale patrocinata dall’UNESCO dopo due avvisi e i maldestri tentativi di evitare l’esclusione. Perciò la guida di una professionalità esterna, con una lunghissima esperienza amministrativa alla guida di enti simili nel “continente”, potrebbe mettere in moto una struttura burocratica che di fatto non riesce a produrre nulla di buono per il territorio.

La giunta comunale di Iglesias ha approvato il progetto di riqualificazione del quartiere “Case Operaie – Rione Paraguay”. Il progetto prevede che venga realizzata una piazzetta con annesse aree parcheggio, la sistemazione della pista di pattinaggio e del verte pubblico e la contestuale eliminazione delle barriere architettoniche. Il sindaco Mauro Usai ha dichiarato che il quartiere è particolarmente ricco di storia vissuta e merita tutta l’attenzione dell’amministrazione comunale e che una volta conclusi i lavori i residenti avranno un nuovo luogo per aggregazione.
Giovedì la giunta comunale di Calasetta ha deliberato di mettere a disposizione dei medici di famiglia di Carloforte i locali di “Mare Produce” siti nel lungomare Avezzare. Quindi dal primo marzo i medici potranno ricevere i pazienti residenti a Calasetta in una sede adeguata in modo da poter svolgere al meglio il loro prezioso lavoro.

A S.Antioco continua il programma di rimozione delle vetture abbandonate nel territorio comunale. All’avvio del programma, nell’estate 2019 la polizia locale aveva censito 89 veicoli e con la rimozioni della settimana scorsa – la maggior parte avvenute grazie alla collaborazione dei proprietari – il numero è calato a 16. Fino ad ora è molto soddisfatto il sindaco Ignazio Locci che considera le vetture abbandonate come un pessimo biglietto da visita per la città.
Molti comuni sulcitani hanno reso noto che sono pronti a ricevere le adesioni dei cittadini e degli associazioni che si rendono disponibili ad aspettare profughi ucraini. Chi è interessato può inviare una email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando il nominativo, un recapito telefonico e il tipo di ospitalità che si vuole offrire.

La nostra speranza è che chi davvero comanda faccia tacere le armi e si sieda attorno a un tavolo per risolvere i problemi visto che in tutte le guerre chi soffre maggiormente sono le persone più povere e più deboli che non hanno alcuna colpa nelle controversie tra stati.

Per quanto riguarda l’andamento della pandemia covid-19 continuano a scarseggiare gli aggiornamenti. Rispetto alla ultime due settimane resta stabile il dato di Giba (ancora 24 positivi), cala leggermente il dato di Portoscuso (da 75 a 62 positivi), scende più marcatamente quello di Domusnovas (da 113 a 70).
Tuttavia la migliore notizia di questa settimana è che dopo 2 anni di emergenza – era iniziata nel 2020 proprio in questo periodo – nel fine settimana appena trascorso si sono svolte delle feste di carnevale in piazza. Erano piene, soprattutto di bambini, la piazza Roma di Carbonia (sabato pomeriggio) e Piazza Ferralasco di S.Antoco (domenica mattina e pomeriggio). Considerando che stiamo vivendo un periodo piuttosto buio un po' di sano divertimento, soprattutto per i più piccoli e le famiglie, era assolutamente necessario.