NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
25
Sun, Feb
40 Nuovi articoli

Orosei. Venti operatori turistici europei da oggi in città per conoscere le bellezze della Valle del Cedrino

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

Orosei 2Il progetto “L’altra stagione della Valle del Cedrino” prevede un educational tour alla scoperta del territorio e della magia della Festa di Sant’Antonio. Un workshop metterà invece a confronto i soggetti economici locali con tour operator, giornalisti e travel blogger provenienti da sette diversi paesi. Organizza l’Assessorato al Turismo del Comune di Orosei e i comuni della Valle del Cedrino (Galtellì, Loculi, Irgoli e Onifai) che lanciano la sfida e si presentano agli operatori turistici europei con un educational tour e un workshop, con l’obiettivo concreto di allungare la stagione turistica e conquistare nuovi mercati. L’appuntamento con il progetto “L’altra stagione della Valle del Cedrino” è da oggi fino al 18 gennaio, quattro giorni durante i quali venti tra tour operator, giornalisti e travel blogger rappresentativi di sette importanti direttrici turistiche (sei provengono dalla Polonia, cinque dalla Germania, quattro dal Regno Unito, due dalla Francia ed uno rispettivamente da Austria, Spagna e Svizzera) assisteranno alla Festa di Sant’Antonio e conosceranno più in generale Orosei e il suo territorio, oggi leader in provincia di Nuoro con il 58 per cento delle presenze turistiche complessive. Orosei 3L’iniziativa è stata presentata stamattina ad Orosei dal sindaco Nino Canzano, dall’assessore regionale al Turismo Barbara Argiolas, da Tonino Serusi (in rappresentanza del Commissario della Provincia di Nuoro Costantino Tidu), dal presidente della Camera di Commercio di Nuoro Agostino Cicalò e dall’assessore al Turismo del comune di Orosei Giovanni Vardeu. “L’obiettivo del progetto è quello di venire incontro agli operatori turistici locali con una iniziativa mirata” ha spiegato il sindaco di Orosei e presidente dell’Unione dei Comuni Nino Canzano. “Vogliamo che l’intero territorio sia protagonista, per dare una alternativa all’offerta balneare che da noi è già molto forte”. Un progetto apprezzato dal presidente della Camera di Commercio di Nuoro Agostino Cicalò, intervenuto ad Orosei anche in rappresentanza di Unioncamere Sardegna: “Generalmente sono gli operatori economici a farsi carico delle iniziative di promozione, in questo caso siamo invece davanti ad una amministrazione locale che pende a cuore il comparto. È un segno che fa ben sperare, per andare verso una maggiore sinergia tra tutti i soggetti che compongono il sistema turistico”. In rappresentanza del Commissario della Provincia di Nuoro, Tonino Serusi ha ricordato gli sforzi dell’amministrazione per integrare la proposta balneare con quella dell’entroterra: “Stiamo lavorando ad un piano di rilancio, provando a sperimentare nuovi prodotti che hanno ad esempio il vino al centro dell’offerta. Per farlo serve la disponibilità di tutti e anche un miglioramento della professionalità. Solo riorientando e riqualificando l’offerta è infatti possibile vendere un prodotto nuovo”. Per l’assessore al Turismo del comune di Orosei Giovanni Vardeu “l’iniziativa mira a far conoscere un territorio circoscritto in un periodo che coincide con quello della festa di Sant’Antonio Abate, molto sentita dalle nostre comunità. In questo modo vogliamo far vivere ai nostri ospiti un’esperienza unica, anche dal punto di vista enogastronomico”. “Orosei è una delle punte di diamante del turismo balneare dell’isola", ha detto l'assessora del Turismo Barbara Argiolas. "Con questa iniziativa cerca di attivare nuovi attrattori per nuove stagionalità, ponendo l'accento sul patrimonio storico, archeologico, identitario ed enogastronomico del territorio. Il concetto di allungamento della stagione è superato; in realtà ciò che serve è la capacità di creare nuovi prodotti turistici in grado di generare picchi di presenze al di fuori del periodo estivo. Sotto questo aspetto, è necessario lavorare a stretto contatto con il mondo ricettivo perché per aprire gli alberghi fuori dalla stagione estiva servono motivazioni di vacanza forti ed è questo il compito dei territori e della Regione. Lavorare sulla qualità di servizi e infrastrutture, mettere a punto nuovi prodotti e presentarli sui mercati: questa è la direzione, perché i punti di forza della Sardegna non sono solo le spiagge e il mare, ma la comunità che la vive, la sua identità autentica e la sua cultura unica e originale”.
Orosei e gli altri Comuni della Valle del Cedrino vantano numeri di tutto rispetto: nel 2016 anno le presenze sono state oltre 750 mila, concentrate soprattutto nei mesi tra maggio e settembre. Gli arrivi invece, in netta crescita rispetto al 2015, sono stati 115 mila (per il 56 per cento dall’Italia e il restante 44 dall’estero). I turisti stranieri che amano maggiormente Orosei e il suo territorio sono i tedeschi, seguiti dagli svizzeri, dai francesi, dagli austriaci e dagli slovacchi. Per quanto riguarda invece le presenze italiane, il flusso maggiore riguarda i turisti provenienti da Lombardia, Lazio e Toscana, ed è significativa anche una quota di sardi che scelgono la Valle del Cedrino per le loro vacanze. Il programma dell’iniziativa “L’altra stagione della Valle del Cedrino” parte oggi con il via all’educational tour.Orosei 1 Al termine della conferenza stampa, gli ospiti si sono recati ad Onifai per visitare le zone di Badde Ortos, su Vrangone e Locherie, dove in uno scenario unico si trovano una Tomba dei Giganti e una Domus de Janas. Da qui il gruppo proseguirà ad Irgoli dove è prevista la visita al sito archeologico Janna ‘e Pruna.
Dopo il pranzo a Galtellì presso l’agriturismo Sa Tanca ‘e Gaia, nel pomeriggio gli ospiti visiteranno il centro storico del paese, sede del parco letterario dedicato a Grazia Deledda, e visiteranno alcune strutture ricettive. Orosei sarà protagonista del programma di martedì 16. La mattina sarà dedicata all’oasi naturalistica di Bidderosa, alla spiaggia di Cala Liberotto, al nuraghe Osalla, e alla visita ad alcune strutture ricettive.
Nel pomeriggio tour operator, giornalisti e travel blogger visiteranno il centro storico e il Museo Don Nanni, prima di immergersi nel clima della Festa di Sant’Antonio. Gli ospiti parteciperanno ad una cena con degustazione di prodotti tipici locali offerti dal comitato organizzatore. Il programma di mercoledì 17 prevede nella prima parte della mattinata la visita ad alcune strutture ricettive e dalle 11 in poi il workshop con gli operatori locali, che si concluderà alle 18. Per gli operatori dei comuni di Orosei, Galtellì, Loculi, Irgoli e Onifai sarà questa l’opportunità da non perdere: l’iniziativa consentirà loro infatti di entrare direttamente in contatto con gli ospiti stranieri, un’occasione per farsi conoscere e per creare nuove, importanti, relazioni commerciali. Per questo motivo gli operatori sono invitati ad iscriversi al workshop tramite il sito http://valledelcedrino.marketingturisticosardegna.com. L’iniziativa, organizzata dall’Assessorato al Turismo del Comune di Orosei in collaborazione con i Comuni della Valle del Cedrino, è aperta ovviamente a chi gestisce strutture come alberghi, residence, bed and breakfast e camping, ma anche a tutti coloro che offrono servizi importanti per l’offerta turistica come ristoranti, tour operator, agenzie di viaggi, società di servizi e associazioni culturali. L’intento del workshop è dunque quello di consentire ai soggetti economici locali di entrare direttamente in contatto con i tour operator internazionali, in una prospettiva di confronto e crescita, con l’obiettivo di incrementare la redditività di un settore, quello turistico, di importanza prioritaria per il territorio.
Giovedì 18 tutti gli ospiti torneranno alle loro destinazioni di provenienza.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna