NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Tue, Aug
25 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Raffaele Carmelo Milia, noto Rafiellicu, da ieri è il nuovo centenario cittadino

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Da ieri Sant'Antioco ha un nuovo centenario. CENTENARIO FAFFAELE MILIA 2A compiere il secolo di vita è stato Raffaele Carmelo Milia, noto come Rafiellicu. Nato a Sant'Antioco il 14 luglio del 1918 al momento è il più anziano cittadino. 07 15 CENTENARIO CON FAMILIARIA festeggiarlo ieri mattina sono stati i due figli. Giovanni, noto Giovannino) e la nuora Graziella ma soprattutto Teresa e il marito Renato che dalla morte della moglie lo hanno accudito e coccolato. I nipoti Fabio, Andrea e Martina, Emanuela ed Alessandro, e le quattro pronipoti. centenario e vicesindacoA porgergli gli auguri dell'amministrazione comunale è stata il vicesindaco Eleonora Spiga. Raffaele Milia non ha avuto una vita facile. Di famiglia come la sua allora ce n’erano tante. Una casa di proprietà e alcuni pezzi di terreno da coltivare a vite. Terzo figlio di un reduce di guerra per difficoltà economiche familiari finì ben presto accordau, a controllare buoi. La scuola era un lusso che pochi allora potevano permettersi. Così rimase analfabeta. CENTENARIO CON I FIGLI webI figli, che invece ha voluto che studiassero e si laureassero e i nipoti hanno provato più volte senza successo ad insegnargli a scrivere almeno la firma. Le mani abituate ad usare gli arnesi dell’agricoltore mal si combinavano con l’uso della penna. La formazione universitaria di ambedue è stata per lui motivo di grande soddisfazione. Ma al centro di tutto ci sono sempre stati il lavoro e la fatica nei campi, la vita all’aria aperta, i suoi amati vitigni di Carignano rigorosamente a piede franco, lui astemio, per i quali ha rinunciato anche ad un lavoro alla Carbonsarda. Aveva paura di finire al buio in una miniera e non amava essere alle dipendenze di qualcuno, se non scelto da lui. A 20 anni, nel 1938, partì per il servizio militare che durò circa 7 anni. Dopo il ritorno a casa ha ripreso il lavoro in campagna. A 30 anni si è sposato con la carissima moglie Tullia che gli ha dato due figli. Dopo la morte della moglie, avvenuta 20 anni fa, ha continuato a lavorare le vigne con l’aiuto di un asino, di un aratro in ferro e di una zappa. Raffielicu Milia ha una memoria di ferro, ricorda tutto. E' di buon appetito ed ogni mattina da quando ha abbandonato di lavorare la vigna, dove si recava con la sua mitica motocarrozzella che ha guidato sino al 1992, non manca di trascorrere in Piazza Umberto parte della mattinata prima di far rientro a casa per pranzo che consuma sempre con buon appetito.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna