NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
17
Sun, Oct
25 Nuovi articoli

Sant'Anna Arresi. Rassegna Cinematografica “ANGOLAZIONI”. “Visioni di donne fra Sardegna e Africa”

Spettacolo
Aspetto
Condividi

Tutto è pronto per l'anteprima della terza edizione della Rassegna Cinematografica “Angolazioni” che si svolgerà a Sant'Anna Arresi, organizzata dall'Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo con l'Amministrazione Comunale di Sant'Anna Arresi e il finanziamento della Fondazione di Sardegna. L'edizione 2021, come già si intuisce dal titolo “Visioni di donne fra Sardegna e Africa”, volge il suo sguardo all'universo femminile e alle “connessioni” tra le donne sarde e le donne africane. Come sin dalla prima edizione l'obiettivo è quello di raccontare e osservare il modo in cui il cinema affronta temi di attualità che riguardano la Persona e il suo interagire col mondo. Se nel 2019 la rassegna è stata dedicata al tema delle migrazioni e l’edizione 2020 è stata incentrata sul tema della sostenibilità ambientale con un omaggio a Vittorio de Seta, quest'anno il confermato direttore artistico Mohamed Challouf ha scelto un tema quanto mai attuale che richiede una sempre più attenta e profonda analisi. Angolazioni 2021 sarà un'occasione e una bella vetrina per scoprire la creatività artistica femminile in diversi ambiti come il cinema, la letteratura, la pittura. La rassegna avrà come principale scopo quello di far viaggiare il pubblico nel mondo artistico creativo femminile tra Africa e Sardegna attraverso proiezioni di film, incontri letterari e interventi musicali molto colorati.
donne identirariL'anteprima, che si terrà nelle date del 18, 22, 23 e 25 agosto, è uno straordinario ed equilibrato collage di rappresentazioni teatrali, musicali e letterarie che ci accompagneranno sino alle porte del festival che si terrà dall'8 al 12 settembre e che ci regalerà una molteplicità di proiezioni dedicate al tema e ancora presentazioni di libri, mostre, concerti e tanto altro.
L'anteprima prenderà il via mercoledì 18 agosto alle ore 21 presso il sito archeologico di “Coi Casu” con lo spettacolo teatrale proposto dall'Associazione culturale “Identirari” dal titolo “La notte delle Janas”. Presso l'affascinante sito nuragico del Comune di Sant'Anna Arresi, dove a seguito di recenti scavi è possibile ammirare tra le diverse strutture anche un vano destinato alla conservazione delle derrate alimentari, potremo rivivere le coinvolgenti storie delle Janas, impegnate nelle loro lotte tra “il bene e il Male” e il rapporto con gli “umani”.
Il 22 agosto alle ore 21, presso la Piazza del Nuraghe, sarà la volta di Claudia Aru indiscussa protagonista del mondo cantautorale Sardo. Per l'occasione l'artista di Villacidro ci accompagnerà in un percorso musicale dal titolo “Sardigna Caput Mundi”: un viaggio per il mondo che partendo dalla nostra isola incontrerà suoni e contaminazioni da tutti i continenti, compresi i ritmi africani.
L'anteprima di Angolazioni 2021 proseguirà il giorno successivo, lunedì 23 agosto alle ore 21, presso il centro di Aggregazione Sociale con il concerto di Matteo Leone, giovane Bluesman Calasettano, o Cussorgese ad esser precisi, che in gioventù ha vissuto per un anno in Africa. Matteo Leone da anni è entrato di diritto nel panorama musicale regionale, nazionale e internazionale, e durante il concerto percorrerà il suo cammino artistico sino a condurci alle sue ultime esperienze nate dall'esigenza di tornare alle sue origini “afro-calasettane”
Ultimo appuntamento con l'anteprima è previsto per mercoledì 25 agosto alle ore 21, nuovamente in piazza del Nuraghe con l'incontro con la giornalista Tiziana Ferrario che presenterà il suo libro “Uomini. È ora di giocare senza falli”. La Ferrario che nella sua lunga carriera in Rai è stata oltre che conduttrice del TG1 anche inviata in svariate zone di guerra come, per fare due esempi, l'Afghanistan e il Vicino Oriente, nel suo libro scritto con schiettezza e ironia ci aiuterà a capire come riconoscere il maschilismo ai giorni nostri.
Dopo questa anteprima ricca e dal grande spessore artistico e culturale, la rassegna ci darà appuntamento dall'8 al 12 settembre dove verranno proposte una ventina di opere cinematografiche tra corti, documentari e fiction che mettono a confronto realizzazioni di donne dell'Algeria, del Camerun, dell'Egitto, del Marocco, della Mauritania, del Ruanda, del Senegal, della Tunisia e della Sardegna. Sempre durante il festival saranno proposte Mostre, Concerti e presentazioni di libri. I dettagli riguardanti il festival saranno approfonditi in un successivo comunicato che sarà nostra cura inviarvi. L'ingresso agli spettacoli sarà libero e gratuito nel rispetto delle vigenti normative anti covid.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna