NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
19
Fri, Jul
28 Nuovi articoli

Carbonia. Tra nebbia e verità, Massironi e Citran portano al Centrale un celebrato lavoro di Stephen Sachs

Spettacolo
Aspetto
Condividi

Curiosità: perché “Bakersfield mist”, letteralmente “La nebbia di (o ‘a’) Bakersfield” diventa, nella traduzione italiana di “Le verità di Bakersfield” – ovvero: come trovare la “verità” dentro la “nebbia”? Un motivo in più a suscitare interesse per la prossima rappresentazione teatrale in programma, per il cartellone Cedac, dopodomani, alle ore 20.45, al Teatro Centrale. Marina Massironi Roberto Citran orSi tratta di un assai celebrato lavoro di Stephen Sachs, autore pluripremiato della scena losangelina contemporanea e di quel teatro statunitense che non si rassegna, proprio in prossimità degli assai fecondi “studio” televisivi e delle produzioni seriali, alle esigenze della macchina industriale del piccolo schermo. Tanto per dire: a Londra, la parte femminile di questa pièce è stata tenuta niente meno che da Kathleen Turner.

Nella versione in programma a Carbonia, toccherà a una delle più brillanti interpreti della scena nazionale, Marina Massironi, che farà coppia con un altro collaudatissimo attore dei più svariati ambiti, Roberto Citran: a dirigerli, Veronica Cruciani, nella produzione Nidodiragno/CMC, Sara Novarese e Pickford.

Nell’intreccio, due vicende umane lontanissime che si incontrano nello scenario di un'America percorsa da forti divari sociali: «Maude – così viene raccontato dai promotori – una cinquantenne disoccupata che vive in una caotica roulotte, acquista da un rigattiere per pochi dollari un possibile tesoro: un presunto quadro di Jackson Pollock. Lionel, esperto d'arte a livello mondiale, volato da New York a Bakersfield, ha il compito di valutare l'autenticità dell'opera che potrebbe far cambiare la vita a Maude. Il dialogo si svolge completamente tra le cianfrusaglie della casa-roulotte e marca la grande differenza culturale dei due, ma nel proseguo dell'incontro Maude si rivela meno sprovveduta di quanto appare e la posizione di Lionel sempre più fragile, in una sorta di ribaltamento di ruoli che conduce all'epilogo».

Un plot che nasce da fatti di cronaca e che sa mescolare, come nella commedia della più alta qualità, il comico e perfino l’esilarante alla tragedia di vite alla ricerca dell’autenticità.

Giovanni Di Pasquale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna