NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Tue, Dec
48 Nuovi articoli

Carbonia. Non ci sono segretari e scrutatori sufficienti, rinviate l’elezione dei comitati di quartiere

Politica Locale
Aspetto
Condividi

 


Non sono pervenute domande sufficienti a ricoprire i ruoli di segretario e scrutatore: pertanto la prevista giornata elettorale per l’elezione dei comitati di quartiere, prevista per domenica prossima, è stata annullata. La decisione è stata presa nel pomeriggio di ieri dalla commissione elettorale, composta dall’assessore Valerio Piria (nella foto) e dai consiglieri comunali Eleonora Cera, per la maggioranza, e Daniela Garau, per la minoranza.

«La Commissione – si legge in una nota diffusa dall’amministrazione comunale – preso atto che il numero delle domande presentate dai cittadini per ricoprire i ruoli di segretario e scrutatore è risultato inferiore rispetto alla cifra occorrente per la composizione dei seggi elettorali di tutti i quartieri previsti, non ha potuto provvedere a nominare le persone preposte alla gestione delle operazioni di voto e di scrutinio. Stante l’insufficienza del numero di scrutatori e di segretari non è infatti possibile garantire lo svolgimento delle elezioni dei comitati di quartiere, previste per il 18 novembre».

Il numero di scrutatori e segretari che hanno presentato domanda di partecipazione, spiega il comunicato, avrebbe consentito lo svolgimento del voto in 5 delle 8 zone previste. La commissione, considerato che il regolamento comunale dei comitati di quartiere non chiarisce come intervenire in una simile situazione, ha ritenuto all’unanimità che fosse doveroso rimettere la questione al presidente del consiglio, il quale provvederà in conferenza dei capigruppo, a fornire un’interpretazione della norma.

I tempi per una nuova convocazione degli elettori rischiano a questo punto di allungarsi: «Eventuali modifiche e integrazioni nel regolamento – così in conclusione la nota – dovranno seguire le modalità canoniche, ovvero essere istruite dalle commissioni consiliari competenti, per poi essere approvate dal consiglio comunale».

Giovanni Di Pasquale

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna