NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Sun, May

Portoscuso. Solidarietà. Dalla Portovesme srl pacchi con generi alimentari a Caritas diocesana e parrocchia San Pio X

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi


Nonostante l’estate sia per molti sinonimo di ferie e riposo, per tante famiglie in difficoltà la calda stagione è solo un momento in cui le difficoltà economiche si fanno ancora più evidenti, in particolare quest’anno per via delle restrizioni causate dal diffondersi del coronavirus. Ma la solidarietà fortunatamente non va mai in vacanza e anche in questo periodo, in cui l’emergenza Covid-19 ha moltiplicato le povertà sul territorio e il conseguente aumento di richieste di aiuto, non vengono meno gli interventi a favore delle persone più bisognose. In questa direzione è stato anche il bando di concorso promosso dalla Portovesme srl, con il sostegno della capogruppo Glencore plc, rivolto alle associazioni non profit e gli istituti scolastici del territorio per contribuire alle necessità materiali e immateriali delle fasce più deboli della popolazione.
Diverse realtà locali, tra cui le Caritas diocesane delle diocesi di Iglesias e Ales-Terralba, come si legge nel comunicato stampa diffuso dalla società, hanno aderito al bando, presentando progetti articolati e funzionali ad attenuare le ricadute del fenomeno pandemico, allo scopo di raggiungere le fasce meno abbienti della popolazione dei territori in cui queste operano. Tutti i progetti sono stati valutati dal Comitato Liberalità della Portovesme s.r.l., il quale, basandosi su criteri oggettivi e funzionali rispetto alle risorse disponibili, ha disposto che tutti i progetti valutati positivamente venissero accolti e finanziati. In questo modo, seppur riducendo l’ammontare della richiesta iniziale, tutti hanno potuto beneficiare dell’erogazione da parte della Portovesme srl.
In particolare, nella diocesi di Iglesias, la Caritas diocesana e la comunità della parrocchia di San Pio X hanno ricevuto dei pacchi di sostegno alimentare da distribuire alle famiglie che maggiormente hanno patito i disagi della pandemia. Lo scorso 29 luglio, alla presenza del vescovo monsignor Giovanni Paolo Zedda, insieme all’amministratore delegato della Portovesme srl, l’ingegner Davide Garofalo, le RSU di fabbrica, accompagnati da una numerosa rappresentanza di lavoratori e i vertici della Ecotravel, azienda del Gruppo Eco Eridania, la Caritas diocesana di Iglesias ha ricevuto 1.500 confezioni alimentari del valore di 20 euro ciascuna che si aggiungono ai 50 pacchi ricevuti dalla parrocchia di san Pio X nella mattinata di venerdì 31 luglio. “Abbiamo ricevuto meno di quanto richiesto – ha commentato don Giorgio Fois, parroco di San Pio X – ma in questo modo hanno potuto aiutare tutti coloro che hanno partecipato al bando e anche la nostra comunità ha ottenuto un contributo da destinare alle famiglie più bisognose”.
Come ricordato dal vescovo Zedda, la solidarietà si può esprimere in diversi modi ed è importante che le aziende siano attente alle difficoltà del territorio, condividendone i buoni frutti tanto quanto le sofferenze. I pacchi dei viveri si inseriscono all’interno di una serie di iniziative a favore della popolazione che la Portovesme srl sta portando avanti in questi ultimi mesi: oltre le donazioni alimentari e quelle rivolte agli ospedali e alle case di cura, entro la fine di agosto le scuole medie e superiori del Sulcis e di San Gavino riceveranno anche 350 computer portatili che verranno distribuiti ai ragazzi in difficoltà per poter seguire la didattica a distanza, per una donazione totale che supera i 250 mila euro. Un sostegno importante per chi ha bisogno

Annalisa Atzei Fonte Sulcis Iglesiente Oggi

Sulcis Iglesiente Oggi