NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jul

San Giovanni Suergiu. Al via la seconda edizione degli “Spazio di incontro: genitori insieme”

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Dal 6 marzo scorso, a San Giovanni Suergiu è partita la seconda edizione dello “Spazio di incontro: genitori insieme”. Gli incontri sulla genitorialità si svolgono due volte alla settimana nei locali dell'Ex Esmas e sono presentati e tenuti dalla dott.ssa Ilenia Trullu, psicologa e psicoterapeuta specializzata in materia. Il progetto, gratuito per i partecipanti, è stato finanziato dall’Ordine degli Psicologi della Sardegna, in quanto vincitore di una borsa di merito vinta a livello regionale. Il tutto è stato inoltre reso possibile grazie al patrocinio e alla collaborazione del Comune di San Giovanni Suergiu con la partnership della Cooperativa sociale S.G.S. e dalle Acli del paese. L’obiettivo finale sarà quello di sensibilizzare riguardo al rapporto genitori-figli attraverso la creazione di una rete di dialogo improntata sulla fiducia, in un’ottica di prevenzione del disagio e potenziamento del benessere psicofisico. I profondi cambiamenti nella condizione sociale post-moderna sono stati accompagnati anche da trasformazioni nei comportamenti e atteggiamenti degli uomini e delle donne all'interno della famiglia. Per questo motivo si sono resi necessari dei progetti finalizzati alla realizzazione di servizi di preparazione e sostegno alla genitorialità, partendo dall’originaria considerazione della famiglia come nucleo centrale dell’organizzazione sociale, come base e luogo dell'educazione e della socializzazione primaria per le persone che ne fanno parte. I genitori rappresentano quindi delle vere e proprie risorse per lo sviluppo dell'individuo, entità importanti nella creazione di quelle identità che saranno gli uomini e le donne del “domani”. Durante lo svolgimento degli incontri rivolti ai genitori e non, è stato reso disponibile, grazie alla collaborazione dei patners, uno spazio di incontro ludico dedicato ai bambini, di cui i genitori partecipanti agli incontri possono usufruire. Partendo dalla consapevolezza della non esistenza di ricette preconfezionate, neanche gli incontri intendono fornirle, il progetto permette di dare la possibilità al territorio di aprirsi a tematiche che, nonostante la necessità di affrontarle, vengono mantenute nell’oscurità portando poi un conseguente disagio psicologico e di isolamento sociale da parte del minore e della sua famiglia: il fine è quello di creare quindi spazi di crescita e di relazione attraverso il confronto sociale, nei quali il gruppo sarà contesto voce e risorsa dei partecipanti.

Maria Paola Marongiu

Sulcis Iglesiente Oggi