NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jul

Iglesias. Laboratorio espressivo curato dall’AUSER. In una mostra, l’arte come terapia

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

L’arte può diventare uno strumento attraverso il quale far emergere un mondo interiore fatto di ricordi, esperienze e sentimenti, ed inoltre può favorire la vita di relazione e avvicinare le persone. Con queste premesse, l’AUSER di Iglesias, associazione per l’invecchiamento attivo, ha avviato un progetto di arte-terapia, una delle iniziative finanziate con i fondi regionali.
Dieci progetti, nati un anno fa grazie ad un finanziamento di 50.000 euro, tra i quali laboratori di informatica e di lingua inglese, corsi di canto corale, recitazione, fotografia e cucina, nozioni di primo soccorso, colonie balneari per persone anziane e un progetto di arte-terapia, al centro della mostra ospitata nei locali della sede dell’AUSER di Iglesias, in via Giordano.
Il progetto, curato da Daniela Sanna, ha proposto un primo approccio ai materiali artistici e alle tecniche di disegno, attraverso il quale dar vita ad un lavoro sulle emozioni e sull’espressività.
Un vero e proprio laboratorio espressivo, nel quale è presente un approccio ricreativo, ma anche uno scopo relazionale. Con il coordinamento della responsabile del progetto, i partecipanti hanno affrontato diversi temi, come quello della natura, quello del mondo interiore di ognuno e quello del “mandala”, parola che deriva dal sanscrito e significa “cerchio magico”. La simbologia del cerchio si trova nelle civiltà umane fin dai primi secoli e rappresenta una delle figure archetipiche dell’inconscio collettivo studiate da uno dei padri dell’analisi come Carl Gustav Jung.
I partecipanti al progetto di arte terapia, tutti dai sessant’anni in su, hanno realizzato dei disegni sui temi proposti, lavorando in modo particolare sui colori e su come questi possono agire sulla psiche umana e sulle emozioni. Non solamente lavori individuali, ma anche un “gruppo contenitore”, nel quale mettere in comune sentimenti, emozioni e tracce di vissuto, rielaborate all’interno dello stesso gruppo. “Un’iniziativa molto importante – ha detto Anna Delussu, una delle partecipanti al progetto – soprattutto per chi non aveva mai potuto dedicare del tempo al disegno e all’approfondimento”.
Franco Locci, presidente dell’AUSER Iglesias e membro del direttivo regionale dell’associazione, ha auspicato che vi siano altre iniziative, per proseguire nei progetti relativi all’arte: “Abbiamo organizzato anche due viaggi a Cagliari, alla galleria di arte contemporanea e alla mostra delle incisioni di Aligi Sassu, e contiamo in futuro di ripetere queste iniziative”.

Jacopo Casula (SIO)

Sulcis Iglesiente Oggi