NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Wed, Jun

Carbonia. XLII festa del santo patrono della città. Un gemellaggio con Poltu Quadu in onore di San Ponziano

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Il gemellaggio è un legame simbolico stabilito per sviluppare relazioni culturali, economiche e politiche, è un legame di fratellanza e modo per conoscere le diverse realtà che ci circondano, per arricchirsi interiormente nella conoscenza reciproca, relazioni queste che portano ad importanti risultati di aggregazione e condivisione che si possono intrecciare in diversi ambiti, tra i quali anche quello parrocchiale. La chiesa di San Ponziano a Carbonia e quella di Olbia del quartiere Poltu Quadu, accomunate da San Ponziano che dà il nome ad entrambe le chiese, hanno dato vita a un gemellaggio che avrà modo di esplicitarsi nel giorno della XLII Festa del santo patrono di Carbonia. Il 18 maggio infatti, la Santa Messa sarà concelebrata dai parroci della città e sarà presieduta da don Valerio Baresi, parroco della chiesa di San Ponziano nata nel 2011 e appartenente alla diocesi di Tempio-Ampurias. La storia del Papa Martire accomuna il Sulcis e la Gallura per la condanna che Papa Ponziano subì. Ponziano, infatti, Vescovo di Roma dal 230 al 235, venne condannato “ad metalla” (ai lavori forzati in miniera in Sardegna) dall’imperatore Massimino il Trace, conosciuto per essere ostile ai cristiani. Secondo alcuni studiosi venne deportato nelle miniere del Sulcis mentre secondo altri nelle miniere del nord Sardegna, dove morì nell’isola di Molara, località nella quale venne costruita una chiesetta romanica. Il corpo di San Ponziano, successivamente riportato a Roma da Papa Fabiano, venne sepolto nel cimitero di San Callisto. Agli albori di Carbonia, Ponziano si festeggiava il 19 novembre, data della sua morte, successivamente su richiesta di don Peana, la Sacra Congregazione concesse per dieci anni dal 1942 la celebrazione della festa la prima domenica di maggio, rinnovata per altri dieci anni dietro richiesta di mons. Pirastru. Dal 1975 la festività del patrono, slegata alla festa di Santa Barbara, è celebrata il 13 agosto. Nel giorno di questa memoria liturgica, nel 1995, il vescovo Miglio, d’intesa con i parroci della città e con l’amministrazione comunale, decreta che la festa di San Ponziano venga celebrata il giovedì dopo la seconda domenica di maggio. I giorni della festa del patrono di Carbonia che, quest’anno si celebrano dal 15 al 18 maggio, saranno anche momento di solidarietà con la distribuzione di prodotti per l’igiene personale e della casa per le famiglie meno abbienti cosicché si tenga sempre presente l’obiettivo delle feste patronali: preghiera e solidarietà.

Fanny Marongiu

Sulcis Iglesiente Oggi