NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Mon, Nov
40 Nuovi articoli

Elezioni primo turno. I risultati delle elezioni amministrative del 10 e 11 ottobre.

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Lunedì e domenica scorsi si è votato per le elezioni amministrativi in 9 comuni sulcitani. L’affluenza, rispetto alle elezioni precedenti, è stata di circa 2 punti più bassa rispetto nei comuni di dimensioni minori (Masainas, Buggerru, Narcao e S.G. Suergiu), 5 punti più bassa a Carbonia e nei comuni che possono essere considerati di medie dimensioni (Gonnesa e Domusnovas), molto più bassa più bassa a Villaperuccio (-15%) dove era in campo una sola lista, più alta di 2 punti a Perdaxius però erano presenti 3 liste.

A Carbonia, il comune più grande e capoluogo della Provincia del Sud Sardegna, si è conclusa l’esperienza tribolata del monocolore targato M5S. Con oltre il 65% ha vinto Pietro Morittu espressione del PD e di 5 altre liste civiche che in pratica rappresentavano la stessa coalizione uscita sconfitta dal ballottaggio di 5 anni fa contro il M5S. Tra le liste della coalizione vincente è notevole il risultato di Carbonia Avanti, che ha come punto di riferimento il consigliere regionale del PSdAz Fabio Usai, che col 19.5% riesce ad elegere 5 consilieri. Si ferma al 21% l’ex consigliere regionale Luca Pizzuto con la lista di Art.1 che prende l’11% e quella del M5S che si ferma al 5.67%; le liste del PSI e del PCI sono rimaste sotto l’1%. Da segnalare il tonfo della lista del M5S che rispetto alle elezioni comunali 2016 ha perso oltre 2.000 voti e questo dato si può considerare come una sonora bocciatura da parte dei cittadini ma riesce comunque ad eleggere un consigliere comunale. Arriva a circa il 13% l’avvocato Daniela Garau (centrodestra) che riesce a migliorare leggermente il dato di 5 anni e grazie a questo risultato porterà in consiglio 2 consiglieri.

A Villaperuccio c’era soltanto una lista che doveva battere il quorum strutturale che nei comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti è stato abbassato al 40%. Marcellino Piras è arrivato all’obbiettivo domenica sera verso le 20 con l’affluenza totale – escludendo gli elettori residenti all’estero – che prossima al 60%: un dato molto positivo per il neo sindaco baroniese che legittima l’azione amministrativa futura.

Cambia del tutto l’amministrazione a Narcao: ha vinto l’avvocato Antonello Cani che dopo aver sostanzialmente pareggiato nelle due frazioni di Terraseo e Rio Murtas è riuscito a dare 77 voti di scarto nelle 2 sezioni del centro alla dottoressa Maria Rosaria Montisci arrivando al 51,84% scatenando la gioia dei suoi sostenitori che hanno festeggiato con dei caroselli di autonobili per il paese.

Anche a Masainas non ci sarà continuità con la nuova amministrazione: infatti Gianluca Pittoni ha preso 47 voti in più di Ilaria Portas, sostenuta dal sindaco uscente Ivo Melis abbia raccolto un considerevole numero di preferenze individuali.

Sono due i sindaci confermati e si tratta di due donne. A Buggerru Laura Cappelli arriva vicino al 58% dando 122 voti di scarto a Ignazio Piras e dunque la sua azione amministrativa è stata pienamente promossa dai suoi concittadini. Grande trionfo per Elvira usai a San Giovanni Suergiu che con 2.274 voti ha praticamente doppiato Eloise Carboni, ferma a 1.180 consensi.

Erano 2 i comuni dove erano presenti 3 liste e in entrambi i vincenti ha vinto ha ottenuto la maggioranza assoluta dei consensi. A Gonnesa dopo 5 anni Hansel Cabiddu restituisce la fascia di sindaco a Pietro Cocco: infatti con 1.588 voti è arrivato al 53% lasciando molto indietro lo stesso Cabiddu (poco oltre il 33%) e Antonello Casu che ha ottenuto solo il 13%.

Dopo un anno di commissariamento Gianluigi Loru col 53,66% è il nuovo sindaco di Perdaxius che ha distanziato nettamente l’ex vicesindaco Giacomo Santu (24.87%) e Luca Argiolas (21,47%).

A Domusnovas i candidati in corsa erano 4 wìe ha vinto in maniera netta Isangela Mascia che è arrivata al 46%; molto indietro Maria Giovanna Carta (22,1%) e Anna Maria di Romano (16,5%), arriva ultima col 15,5% il sindaco in cariga Massimiliano Ventura col 15,5% che sicuramente ha pagato un prezzo molto elevato la gestione della problematica “acqua”.

Chi scrive questa rubrica rivolge agli amministratori, vecchi e nuovi, è di riuscire a lavorare assieme per il bene del Nostro Territorio.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna