NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jul
38 Nuovi articoli

Alghero. Alle 15.00 di ieri dal porto banchina Dogana ha preso il via la settima prova del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche

Altri
Aspetto
Condividi

E' scattata ieri pomeriggio alle 15.00 la sedicesima edizione della Baia delle Ninfe, gara di regolarità valida quale settima prova del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche CIREAS in programma nel fine settimana tra Alghero e il suo splendido hinterland. La gara è organizzata dall'Automobile Club Sassari. In mattinata all’hotel Corte Rosada, quartier generale della competizione, sono in corso le operazioni di verifica sportiva dei 61 equipaggi che saranno al via nel pomeriggio dalla banchina del porto di Alghero, all'ombra dei famosi bastioni, stessa cornice che la scorsa settimana ha ospitato lo Start del Rally Italia Sardegna, round italiano della serie iridata. La gara è patrocinata dalla Regione Sardegna, dal Comune di Alghero, dalla Fondazione Alghero, dalla Camera di Commercio di Sassari e dal Comune di Bosa, oltre che dai numerosi partners commerciali che supportano la manifestazione.
A dirigere la competizione il direttore di gara internazionale Fabrizio Fondacci che ci racconta le tappe e i segreti del percorso della “due giorni del CIREAS in Sardegna”.

“I concorrenti - spiega il direttore Fondacci - affronteranno prove dalla bellezza paesaggistica senza eguali ma anche tecnicamente molto impegnative. Oggi gli equipaggi affronteranno 28 prove cronometrate partendo dalle ore 15.00 per un totale di 118 km di percorso. E’ una gara di precisione che si svolge sul promontorio che va dal Comune di Alghero a quello di Bosa dove saranno previsti due tipologie di controlli e un riordino di circa 20 minuti. Poi gli equipaggi si muoveranno alla volta di Montresta avendo la possibilità di godere della bellezza del Nuraghe Appiu per poi tornare nella rambla di Alghero ed effettuare un circuito di due giri con 8 prove concatenate, dirigersi verso la banchina Dogana e terminare al Corte Rosada la prima giornata”.

“Domenica - spiega ancora il direttore - la gara ripartirà alle ore 8.30 sempre dal porto Dogana di Alghero per poi dirigersi verso il circuito del Corallo dove sono previste due prove speciali concatenate. Poi tappa al lago di Baratz, ritorno al kartodromo e fine gara al Corte Rosada di Capo Caccia per un totale di 36 prove cronometrate”.

“Si tratta di una gara particolarmente impegnativa dal punto di vista tecnico e impareggiabile da quello paesaggistico che vedrà impegnati alcuni degli esponenti più importanti delle varie specialità sia del campionato italiano di regolarità per auto storiche sia tra quelli delle vetture moderne”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna