NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Cagliari. Rubiu (Udc), netta contrarietà per accoglienza migranti a Casa Serena e all'ex Ospedale Fratelli Crobu

Uncategorised
Aspetto
Condividi

La residenza per anziani di Casa Serena, nella spianata di Serra Perdosa, come prossimo approdo dei migranti. Un vero e proprio centro per l’accoglienza dei profughi al posto dell’attuale casa per la terza età. Altra ipotesi è l’adeguamento del vecchio ospedale Fratelli Crobu. In ballo c’è sempre l’opzione per ricavare degli spazi nell’ex carcere di Iglesias. Il capogruppo regionale Udc Gianluigi Rubiu non cerca scorciatoie e boccia le possibili destinazioni dei migranti. <<Non ci stiamo – esordisce l’esponente centrista – Iglesias diventerebbe un ghetto per i profughi, senza i necessari servizi per soggetti che hanno necessità di assistenza e sostegno>>. Una netta contrarietà, dunque, per le eventuali strutture da adattare all’universo di disperati che ogni giorno sbarcano in Sardegna: <<La residenza per gli anziani di Casa Serena, l’ex nosocomio Fratelli Crobu e il vecchio penitenziario – spiega Rubiu – non sarebbero certo adatte ad accogliere al loro interno centinaia di migranti. C’è poi il fattore negativo del peso sociale. Iglesias, come tutto il territorio del Sulcis Iglesiente, sta attraversando un momento di forte difficoltà economica e sociale, con una crisi senza precedenti>>. Il prefetto di Cagliari Perrotta ha effettuato un sopralluogo nelle strutture cittadine: <<Sia chiaro però – conclude Rubiu – Ribadiamo il nostro no ad un’accoglienza imposta dall’alto, senza il coinvolgimento dei cittadini. D’accordo, la situazione dei migranti è ormai al collasso anche in Sardegna. Non si possono però tollerare delle decisioni che mirano a desertificare i servizi sul territorio, per ospitare poi i migranti nelle strutture abbandonate>>.