NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
01
Mon, Jun
48 Nuovi articoli

Carbonia Iglesias. Corona virus. In produzione 20mila mascherine protettive per la popolazione sulcitana

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Da Lunedi 23 Marzo in poi l’Ordine Professioni Infermieristiche ha messo in produzione 20.000 mascherine protettive in polipropilene, per la distribuzione e nella disponibilità di cittadini del Sulcis Iglesiente e infermieri della sanita’ pubblica e privata, ospedaliera e territoriale.
<Nella lotta al CoViD 19 ancora una volta scegliamo l’ambito della fattibilità e non della lamentazione, producendo nel nostro territorio quanto utile.- spiegano all'asssociazione- Agire adesso significa proteggere la salute di chi e’ in prima fila con senso di responsabilita’ e limitare la diffusione del virus tra la popolazione>.
Le mascherine protettive in tessuto spundbond, polipropilene dell’azienda “Nvolutia” in arrivo da Valencia, (Spagna), sono prodotte e confezionate da artigiane volontarie del Comune di Sant'Antioco e Calasetta, queste ultime in stretta collaborazione con la Pro Loco calasettana, e distribuite GRATUITAMENTE e direttamente dall’OPI Carbonia Iglesias nei luoghi di lavoro e delle risposte di cura e assistenza.
L'iniziativa dell'OPi nasce in questa fase in cuo l’infezione CoViD 19 è diventata una emergenza anche nel Sulcis Iglesiente. <Abbiamo agito in quanto il mondo infermieristico è da sempre, per propria cultura, attento e sensibile al tema della solidarietà e dell’aiuto alle fasce deboli ed alle popolazioni vittime di disastri e calamità- sottolinea ll Presidente dell'Opi Graziano Lebiu - non potevamo lasciare cadere nel vuoto la manifestazione di aiuto che arrivava dalle nostre comunità civiche come quella del bisogno di mezzi di protezione>. Questo progetto, continua Graziano Lebiu-non sarebbe decollato senza il contributo, l’entusiamo e la spinta e la dedizione delle sarte e dei sarti esperte/i artigiane/i di Sant’Antioco, che stanno dando tutto se stesse/i per un segnale di solidarietà, di presenza, di attenzione e di cooperazione. Una goccia nel mare forse, ma vitale per il suo profilo altamente emotivo e sociale: entra in tutte le case e rassicura che i cittadini non siano, appunto, soli>. Oggi venerdì 27 Marzo 2020 dalle mani delle sarte di Calasetta sono giunte a Carloforte, nostro tramite, 400 mascherine protettive. Oggi Venerdì 27 Marzo 2020, dalle mani delle sarte di Sant’Antioco, giungeranno a Calasetta, nostro tramite, 200 mascherine protettive. Un circuito virtuoso, sociale, etico, che il Sulcis Iglesiente è capace da sempre di palesare quando, come e dove occorra perché il diritto di uno è il diritto di tutti e tutti vevono guardare al prossimo prima che a se stessi. Sempre oggi 27 Marzo l'associazione consegnerà ulteriori mascherine protettive a cittadini di Sant’Antioco centro e Sant’Antioco territorio che impossibilitati per gravi patologie ad approvvigionarsene, le riceveranno direttamente dagli infermieri dell’OPI Carbonia Iglesias e dal CIVES infermieri volontari per l’emergenza sanitaria. < Abbiamo sempre inteso di uscire dall’ambito della lamentazione ed entrare in quello della fattibilità, rimboccandoci le maniche ed organizzando sin da lunedì 23 Marzo la produzione di oltre 20.000 mascherine protettive che- conclude Graziano Lebiu- raggiungeranno in via prioritaria cittadini con gravi problemi di salute e mobilità, operatori sanitari, forze dell’ordine>.
Le città di Sant’Antioco, Calasetta e Carbonia devono essere grate ed onorate di poter contare sulla rete di sarte che, chinate sulla macchina da cucire. lavorano da giorni incessantemente per dare a chi ha bisogno un supporto colorato in tela di cotone e laccetti, rassicuranti dal punto di vista emotivo ed utili per proteggersi unitamente alle altre raccomandazioni ministeriali e regionali.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna