NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
18
Wed, Jan
57 Nuovi articoli

Sant'Antioco. "Riflessione sulla giornata ecologica. Prima e dopo !

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Arriva dal coordinatore del circolo Sel Gramsci di Sant'Antioco Roberto Martinelli.
Ieri , insieme al partito democratico di Sant’Antioco abbiamo partecipato alla giornata ecologica indetta da Genti NOA che ha come scopo principale non solo quello di pulire le spiagge e le campagne del nostro comune , ma soprattutto quello di mostrare alla comunità la totale mancanza di RISPETTO nei confronti delle cose comuni e di sensibilizzare i cittadini al rispetto dell’ambiente e delle cose comuni ! Tanti volontari, sacrificando tempo ed energie , si sono messi in marcia per i litorali Antiochensi armati di buste , guanti e di tanto amore per il proprio territorio . La situazione è drammatica e oltremisura critica per certi aspetti , l’incuria ed il degrado nel quale versano le nostre campagne ha aperto una riflessione che è oltremodo urgente da affrontare e , per la quale , si deve intervenire in maniera repentina e immediata ! Perché il rispetto e la consapevolezza della cosa altrui è l’elemento fondante di una società giusta , solidale e rispettosa di TUTTI . Ci si sarebbe aspettati una levata di sdegno , rigurgito , rigetto rispetto alla devastante eloquenza delle immagini girate dai volontari ma , da alcuni ambienti , questo non è avvenuto . Anzi , addirittura si cerca di minimizzare , non mettere accenti per non si capisce quale principio di salvaguardia di cosa . Se è veritiero il ragionamento per il quale “il primo passo per risolvere un problema è ammettere di avere un problema “ non si comprende come da più parti arrivi l’appello al non clamore , alla non discussione , alla non denuncia , al non insinuare nella testa e nel cuore dei cittadini il dubbio che qualcosa di sbagliato ci sia , esista e che si debba tutti fare uno sforzo per vivere tutti in un paese più pulito e CIVILE ! Forse per non pregiudicare la stagione estiva , per non far sapere a quei pochi turisti che ancora scelgono Sant’Antioco per la prima volta che qualcosa sta realmente cambiando . Che anche nel nostro paese si sta lentamente e faticosamente creando una coscienza civica , quell’idea di cittadinanza attiva che è il fondamento delle regole del vivere democratico e civile . Ma allora perché tacere , perché dovremmo per un assurdo gioco arcaico sederci a discutere tra pochi eletti , come nelle peggiori oligarchie “illuminate” , a discutere dei problemi ? Perché , l’invito a mantenere le riflessioni nelle segrete stanze ? Che fine ha fatto quell’idea di DEMOCRAZIA partecipata che tanti leoni da tastiera millantano a scadenza quinquennale e poi , come per magia , dimenticano il giorno dopo le urne sponsorizzando la pratica del non pensiero, della non denuncia dei problemi , della non discussione e condivisione delle soluzioni ! E allora perché ammettere pubblicamente che la MAFIA sia un tumore in Sicilia o che nelle campagne di Giuliano si bruciano rifiuti illegalmente , o che esistano sacche di illegalità diffusa anche nella politica sia GIUSTO e sacrosanto ? Sarebbe meglio non parlare in tanti di questi problemi , ne va del buon nome dell’Italia , della Campania , della Sicilia , di SANT’ANTIOCO . Perché discutere pubblicamente e denunciare i problemi sensibilizzando al rispetto degli spazi comuni pare una pratica così astrusa nel nostro comune ? Perché parlare, mostrare ciò che è coretto e ciò che non lo è dovrebbe essere un problema ? non riusciamo a comprenderlo . Noi che eravamo la a toccare con mano la devastante realtà non ce lo spieghiamo , non lo comprendiamo ma soprattutto non lo accettiamo. Non possiamo accettare che si tacitino le riflessioni mascherandole come” pubblicità negativa “ , non vogliamo pensare che si possan risolvere i problemi senza un confronto reale , aperto , condiviso a tutti . Ma questo è un fare pericoloso , che mette in luce contraddizioni lampanti tra chi cerca di creare faticosamente e REALMENTE una cittadinanza attiva e partecipata e chi preferisce discuterla solo nella teoria e negli slogan pre mandato . La consapevolezza è la strada , la partecipazione è la soluzione . Noi c’eravamo , e voi dove eravate ? “Il mondo cambia con il tuo esempio.
Roberto Martinelli

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna