NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
10
Tue, Dec
34 Nuovi articoli

Piano Sulcis: una sofferenza infinita nel cercare il bandolo

Ritagli
Aspetto
Condividi

"Ha nuovamente inizio la passerella dei luminari che parlano del Sulcis e illustrano la nuova prospettiva economica, promettendo forti rivendicazioni, quelle stesse già fatte e alle quali non hanno mai partecipato. Sugli argomenti manca conoscenza e consapevolezza."
Lo scrive sulla sua pagina Facebook Fabio Enne segretario Cisal, che pubblichiamo
"Si prosegue a fare le barricate sul nulla senza reali proposte, anzi consentendo la definitiva morte dell'industria e ostacolando uno sviluppo variegato verso servizi, turismo, commercio e attività produttive nei vari settori.
Qualcuno addiritura porta fuori dalle cantine il Piano Sulcis, la rimodulazione delle sue risorse, riproponendolo strumento prioritario per la rinascita del Sulcis.
Si discute impropriamente di energia e non si entra nel merito delle diavolerie consumate attraverso la sottoscrizione di accordi che bene facevano presagire il futuro incerto.
Nel frattempo che si fa accademia sul nulla, continua ad essere assente una vera politica sui giovani, che in assenza di validi supporti, vanno via, fuggono alla ricerca di una possibilità, quella che qui, da noi, gli è stata negata e continua ad essere una chimera.
Non si lavora ad un serio piano di sviluppo, né sul lavoro, tantomeno sul sociale.
Queste problematiche sono aspetti molto seri e importanti che costituiranno il prossimo futuro del territorio e della Sardegna, talmente importanti che non possono essere delegati a chi ha prodotto danni, precarietà e inconsitenza di risultati."

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna