NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
64 Nuovi articoli

Londra. All'asta bronzetti e reperti archeologi sardi. Mauro Pili: il ministro blocchi l'asta

Ritagli
Aspetto
Condividi

Un cavallo, due stambecchi, un bue e un muflone. Tutti sardi e tutti di bronzo. Più altre statuette. Pezzi di storia dell'Isola che saranno messi all'asta il prossimo 30 giugno a Londra. Lo denuncia il deputato di Unidos Mauro Pili in una interrogazione urgente al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e degli Esteri Paolo Gentiloni con cui chiede di bloccare "immediatamente la svendita della civiltà nuragica". "Quella decina di pezzi esclusivi messi in vendita in modo criptato da una nota casa d'aste londinese è un patrimonio inestimabile che appartiene al popolo sardo", sottolinea il parlamentare sardo.

Esecutivo Renzi nel mirino. "Un governo autorevole, dopo l'ennesimo caso di asta della civiltà nuragica, avrebbe dovuto mettere in campo un'azione seria e decisa per recuperare tutto questo patrimonio", osserva Pili. Si tratta, secondo il deputato e già governatore dell'Isola, di nove pezzi da decine di migliaia di euro. "Tutti reperti - dice - con datazioni intorno a 3000 anni fa. Un patrimonio che secondo quanto dichiarato dalla casa d'asta dovrebbe provenire da svariate collezioni". Nel contempo Pili ha scritto all'ambasciatore britannico a Roma chiedendogli di intervenire immediatamente. "E' un atto dovuto - spiega il parlamentare nella lettera - L'amministrazione britannica non può consentire questo sfregio alla cultura e alla storia della Sardegna. I sardi si attendono una risposta urgente e risolutiva da parte del Regno Unito".

"Già nei mesi scorsi - ricorda Pili - avevo denunciato la vendita di straordinari reperti archeologici di epoca nuragica tra Londra e New York. Nonostante quella denuncia, il governo consente la più bieca svendita della civiltà nuragica, senza che nessuno intervenga. Tutto questo è semplicemente inaccettabile. Bloccate quella vendita, senza se e senza ma". (ANSA).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna