NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Sun, Jun
0 Nuovi articoli

IL Vangelo a cura di Nicola Fiscante : Seconda Domenica di Avvento

Ritagli
Aspetto
Condividi


La preghiera accorata dei profeti, perché Dio squarci i cieli e scenda a salvare il popolo d’Israele e tutti uomini immersi nei tanti mali, con la nascita di Gesù, con Dio che si fa uomo, è stata esaudita. Prima della nascita di Gesù contemplare i vari interventi di Dio e guardare in prospettiva la venuta del Messia doveva suscitare nel popolo sentimenti di conforto e gratitudine. L’apostolo Pietro nella stessa linea invita alla fiducia perché Dio nella pienezza dei tempi è venuto sulla terra perché nessuno si perda, ciascuno abbia modo di pentirsi e si incontri col Signore nella gioia; un giorno poi ci si incontrerà nella gloria. L’evangelista Marco inizia il Vangelo comunicando subito la bella notizia affermando che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio. Blaise Pascal ad un signore che diceva “Se avessi fede la smetterei con tanti peccati” rispose: lascia i tanti peccati e avrai fede. L’evangelista Marco cita il profeta Isaia e il precursore Giovanni Battista rinnovando l’invito: Raddrizzate i sentieri della vita per andare incontro al Messia che viene. Occorre riconoscere i propri peccati e cambiare vita per avere il perdono di Dio. “Accorrevano a Giovanni Battista tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano confessando i loro peccati”. Giovanni Battista battezzava con acqua mentre il Messia battezzerà in Spirito Santo. Pensiamo a tutto ciò che dirà e farà Gesù; pensiamo ai sette Sacramenti, alla sua risurrezione e a quanto ci ha promesso per l’eternità e potremo assaporare un po’ della consolazione che il Salvatore è per noi. Siamo all’inizio dell’Avvento; avremo tutto l’anno liturgico per conoscere ed approfondire i tesori della fede che il Signore suscita in noi e cosa è una vita vissuta con Cristo, secondo il suo insegnamento. Valuteremo con sapienza i beni terreni, orientati verso i beni eterni. All’estrema povertà dei nostri meriti supplirà l’aiuto della misericordia del Signore.

Nicola Fiscante, sacerdote e missionario redentorista, San Sperate

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità