NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Carbonia. La città con i consumi di energia elettrica più alti della Sardegna.

Ritagli
Aspetto
Condividi

Carbonia è la città con i consumi di energia elettrica più alti della Sardegna. Lo si evince dall'ultimo studio di SosTariffe.it che ha diramato i dati delle principali città della Sardegna stilando una classifica dei capoluoghi di provincia.
Secondo i dati di SosTariffe.it a Carbonia si registra il consumo più alto in regione: In questa città nel 2015 si spendono 977 euro all’anno per 4.083 kWh consumati, diminuiti del 1,47% dall’anno scorso. Al secondo e al terzo posto si classificano Cagliari (seconda anche nella lista dei capoluoghi precedentemente analizzata) con quasi 913 euro annui di bolletta della luce e Olbia con più di 880 euro.
Tempo Pausania è, invece, la località, tra quelle analizzate, dove si spende di meno per l’energia elettrica in Sardegna: in questo centro, infatti, il consumo annuo medio è di 3.067 kWh pari a una spesa in bolletta di circa 639,8 euro. Sanluri è penultima nella classifica delle città sarde più energivore con un consumo di circa 3.124 kWh annui che comportano una spesa di 658,73 euro.
Se si analizzano invece le sole variazioni di consumo rispetto al 2014 scopriamo quali città sarde si possono considerare “più risparmiose” in grado di tagliare di più i consumi nel 2015 rispetto all’anno precedente.
Sanluri detiene il primato come città con la riduzione maggiore: in questa realtà dal 2014 il fabbisogno di energia è diminuito del 21,33%. Anche le famiglie di Tempo Pausania e Nuoro sono riuscite a diminuire i loro consumi dall’anno scorso rispettivamente del 20,87% e del 12%. Lanusei è, invece, la città con l’aumento maggiore (+5,11% dal 2014) seguita da Olbia (+4%).
A pesare maggiormente sui consumi e prezzi dell’energia elettrica ci sono alcuni cattivi comportamenti individuati da SosTariffe.it durante la propria indagine. Queste abitudini possono essere tuttavia sostituite con alcuni consigli che il sito di comparazione propone per poter contenere le spese, riassunti nella tabella allegata.
SosTariffe.it ha stimato che applicando tutti queste buone norme gli utenti nelle città analizzate potrebbero risparmiare dai 254 euro ai 302 euro all’anno, ovvero dal 30% al 40% della bolletta media.
I dati sono stati estrapolati da SosTariffe.it grazie allo strumento di comparazione dell’energia elettrica che permette sia di individuare il proprio consumo annuo di luce che di confrontare i prezzi delle offerte dei principali fornitori di energia attivi in Italia.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità