NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Wed, Apr
66 Nuovi articoli

Carbonia. Identificati e arrestati gli autori della rapina alla Tim del 15 febbraio scorso

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

La Compagnia Carabinieri di Carbonia ha dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal GIP del Tribunale di Cagliari nei confronti degli autori della rapina a mano armata commessa al “Centro TIM” di Carbonia lo scorso 15 febbraio. In quella circostanza, alle 19.30 circa, due individui a volto coperto da passamontagna, di cui uno armato di pistola semiautomatica, avevano fatto irruzione all’interno dell’attività commerciale e sotto la minaccia della predetta arma avevano gridato alla commessa test. “Veloce… Veloce...”, intimandole di consegnare tutto il denaro contante del registratore di cassa.  Dai primi elementi raccolti, attraverso le testimonianze di persone che hanno assistito alla rapina e dalla visione delle telecamere del sistema di videosorveglianza presente all’interno del negozio, i militari del nucleo operativo e radiomobile intervenuti sul luogo del reato, erano riusciti poco dopo ad individuare i presunti autori del reato: L.N., 29enne e S.V. 39enne, entrambi residenti a Carbonia, noti alle forze dell’ordine. Gli ulteriori elementi probatori a loro carico, sviluppati nei giorni successivi dagli investigatori, hanno fatto emergere un quadro di persistente pericolosità sociale dei due indagati. Sulla scorta di tali ulteriori elementi il Tribunale di Cagliari che ha concordato con quanto richiesto dalla Procura di Cagliari, ha emesso le due ordinanze che dispongono per entrambi la custodia carceraria.  Le due misure sono state eseguite questa mattina all’alba; il S.V.  in particolare è stato immediatamente rintracciato a Carbonia, mentre il L.N. è stato individuato a Oristano e arrestato con la collaborazione dei militari del Nor della Compagnia di Oristano. Inoltre, questa mattina, nella città di Carbonia, i Carabinieri della Compagnia, supportati da 2 squadre dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna di Abbasanta con una unità Cinofila antidroga e una Squadra Api (Aliquota di Primo intervento Operativo) e due unità Cinofile di Cagliari (1 antidroga e 1 anti esplosivo), oltre alle due catture, hanno eseguito ulteriori 5 perquisizioni locali a carico di soggetti legati al mondo della droga, che potrebbero aver fornito aiuto agli arrestati successivamente alla rapina, anche nell’occultamento dell’arma. Tali ulteriori attività si sono concluse con l’arresto in flagranza di reato P. A., 46enne di Carbonia, pregiudicato, poiché trovato in possesso di 26 pastiglie di Subuxone, illegalmente possedute poiché detenute senza prescrizione medica e suddivise in vari pezzi, singolarmente raggruppati, pronte per lo spaccio. Il medicinale, infatti, agisce come un oppiaceo, deve essere utilizzato dai medici dei Sert per la terapia fatta a domicilio al paziente con la sicurezza che esso non venga utilizzato in modo diverso da quello previsto. I due rapinatori sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Uta (CA) e Masama (OR) mentre il P. A., verrà giudicato questa mattina con rito direttissimo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna