NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
01
Sat, Oct
19 Nuovi articoli

Santadi. Danni da maltempo. Provvedimenti dell'amministrazione Comunale.

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Erano appena passate le 14:30 di domenica 14 novembre quando un ponte lungo la SP 70, che collega Santadi a Teulada, nei pressi della frazione di Is Cattas è crollato a causa di una violenta ondata di piena del Rio Murteras che nasce dalle montagne più meridionali del Sulcis. La buona sorte ha voluto che l'ultima autovettura fosse passata appena 10 minuti prima l'acqua iniziasse a erodere il basamento in terra battuta su cui poggiava la carreggiata. Alcuni automobilisti di passaggio hanno immediatamente avvisato le Forze dell'Ordine del pericolo che a loro volta hanno allertato la Protezione Civile di Santadi che ha provveduto a transennare la strada.
Sicuramente si è trattato di un evento raro, tanto che nemmeno i più anziani ricordano un'ondata di piena così devastante del Rio Murteras: basti pensare che in una stazione meteorologica amatoriale situata a Barrua, dunque già in pianura, sono stati registrati 100mm di pioggia in appena 16 ore (da sabato sera a domenica mattina) quando la media annuale delle precipitazioni annuali sulle vette più del Sulcis si aggira attorno ai 1000mm.
Oltre al crollo del ponte sono stati segnalati alcuni smottamenti nelle montagne di Pantaleo e numerosi allagamenti e danni conseguenti ad alcuni orti, vigneti ed uliveti tanto che la Giunta Comunale mercoledì 17 novembre ha proclamato lo stato di calamità naturale ed ha invitato tutte le persone interessate ad avviare una stima presentando documentazione fotografica.
Al momento la problematica più grande riguarda proprio il ponte crollato: infatti i 40 residenti della frazione di Is Cattas per raggiungere Santadi sono costretti ad arrivare fino a Teulada e da lì tornare indietro lungo la SS195 e la SS293 allungando il tragitto di oltre 30 km e a questo si aggiunge il disagio di alcuni allevatori e agricoltori che per raggiungere le loro proprietà sono costretti a praticare delle vecchie strade sterrate percorribili con notevoli difficoltà solamente con dei SUV.
Sempre mercoledì si sono recati sul luogo per sopralluogo il commissario straordinario della Provincia del Sud Sardegna Mario Mossa e il subcommissario per il Sulcis Ignazio Tolu che hanno assicurato al sindaco di Santadi Massimo Impera impegno per il ripristino di una viabilità alternativa sia per la ricostruzione del ponte.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna