NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

Iglesias. La mobilitazione popolare generale del Sulcis partirà il primo febbraio.

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Sono numerosi i movimenti, i comitati ed i sindacati che, nelle ultime settimane hanno aderito alla mobilitazione che vede fra i promotori anche la nostra Organizzazione Sindacale.
Confermano il massimo impegno e supporto all’iniziativa. E’ assoluta la necessità di mettere in atto una forte rivendicazione popolare a difesa della dignità del Sulcis Iglesiente e dei suoi abitanti.
“L’elenco è lungo”, dichiara il Segretario Generale Fabio Enne “siamo certi che nei prossimi giorni si amplierà ancora, in tanti formalizzeranno l’adesione a una lotta di popolo a favore del lavoro e dell’economia territoriale”.
La Fismic Confsal e la Cisal hanno confermato la loro partecipazione a cui si somma quella del movimento per la zona franca, il movimento dei disoccupati, le partite iva, commercianti e artigiani del Sulcis Iglesiente, edili e agricoltori, movimenti studenteschi, e liberi cittadini, che, auspichiamo, verranno affiancati da numerose amministrazioni comunali ed i rispettivi Sindaci.
“Il 1° febbraio saremo in tanti e daremo inizio ad una mobilitazione senza precedenti, che terminerà, solo con il raggiungimento dell’obiettivo definito durante i lavori dell’Assemblea tenutasi ad Iglesias lo scorso 15 gennaio. L’obiettivo è quello di “formalizzare un accordo quadro fra parti sociali e istituzioni Regionali e Nazionali che favorisca la ripresa economica e la riorganizzazione sociale del territorio”.
Il Sulcis è stretto da una crisi senza precedenti, merita la massima attenzione della politica a tutti i livelli. E’ necessario voltare pagina. E’ indispensabile la spendita delle risorse disponibili, iniziando da quelle del Piano Sulcis per migliorare il sistema infrastrutturale, avviare le bonifiche, facendo partire i Poli produttivi di eccellenza, Edilizia, Agricoltura, Turismo, Agroindustria, Artigianato, Zona Franca, abbattimento della pressione fiscale per le piccole e medie aziende, senza dimenticare il necessario supporto industriale alle produzioni di filiera Alluminio, Piombo e Zinco. Ciò rappresenta un passo indispensabile per una rivoluzione economica in grado di creare ricchezza e occupazione”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità