NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec
53 Nuovi articoli

Sant'Antioco.La Guardia Costiera sequestra 632 Kg di tonno rosso

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Lunedì mattina la Guardia Costiera di Sant’Antioco ha sequestrato nel porto di Ponti quattro esemplari di tonno rosso per un totale di 632 Kg e 25 Kg di sgombro che sono stati dichiarati falsamente di appartenere  alla stessa battuta di pesca.

Lunedì la Guardia Costiera di Sant’Antioco ha sequestrato nel porto di Ponti quattro esemplari di tonno rosso per un totale di 632 Kg e 25 Kg di sgombro che sono stati dichiarati falsamente di appartenere  alla stessa battuta di pesca. La normativa vigente infatti permette la cattura accidentale di un solo esemplare di tonno rosso purchè siano stati pescati altri 19 esemplari di pesce di cui è lecita la pesca. Nel caso venga superato il 5% di tonno sul numero totale dei pesci catturati la legge, che regola le quote tonno rosso,  prevede  il sequestro degli esemplari in eccesso, degli attrezzi da pesca utilizzati e una sanzione amministrativa. E' quanto successo ieri al Porto di Sant'Antioco con l'aggravante che gli sgombri che sono utilizzati per giustificare lo sbarco, come cattura accidentale dei quattro esemplari di tonno rosso, sono stati dichiarati dall’ASL di Carbonia in cattivo stato di conservazione e non commestibili. Tale attività di controllo della filiera ittica, inserita tra i compiti d’istituto del Corpo delle Capitanerie di Porto e  Guarda Costiera, spiegano all'Ufficio circondariale marittimo di Ponti,  si colloca all’inizio della stagione estiva che vedrà come di consueto gli uomini della Guardia Costiera impegnati nell’attività di “Mare Sicuro” sulle spiagge e per mare, nonché nelle attività di soccorso in mare.
Il “Thunnus thynnus”, questo il nome biologico del più conosciuto Tonno Rosso che è stato sequestrato, adopo gli accertamenti eseguiti del personale sanitario dell’area veterinaria della asl 7  che ne ha attestato l’idoneità al consumo umano  sarà venduto all’asta martedì  31/05/2016 e il ricavato rimarrà depositato cautelarmente in attesa dell’esito dell’iter giuridico a favore degli eventuali ricorrenti o a favore della Pubblica Amministrazione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità