NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Domusnovas. I consiglieri di opposizione chiedono le dimissioni della Giunta Ventura.

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi


A Domusnovas i cinque consiglieri di opposizione chiedono le dimissioni della Giunta Ventura. «A solo un mese dalle elezioni abbiamo appreso dai giornali della condanna per violenze sessuali dell’attuale vicesindaco Deidda – scrivono in una nota Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru -. Una condanna inflittagli per degli atti di violenza contro una ex dipendente e perpetrati nel periodo in cui il Deidda rivestiva il ruolo istituzionale di sindaco. Noi riteniamo, anche se il giudizio è di primo grado, che tale pronunciamento rappresenti il tradimento del mandato popolare e una macchia gravissima per la nostra comunità. Così come riteniamo altrettanto grave ed ingiustificabile la mancata solidarietà del sindaco Ventura alla vittima delle violenze. Esso infatti, a mezzo stampa, invece di prendere una posizione di difesa della donna offesa, rassicura e garantisce il pieno sostegno e la fiducia al suo vice Deidda».

«Vogliamo ricordare – aggiungono Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru – che l’attuale governo cittadino rappresenta solo 1/4 degli aventi diritto al voto (non essendo concesso a questo comune il ballottaggio che avrebbe reso sicuramente un risultato diverso più rispettoso della volontà popolare), pertanto è rappresentativo di una minoranza assoluta nel paese, legittimata a governare da un tecnicismo burocratico piuttosto che dalla volontà della maggioranza dei cittadini di Domusnovas , quindi, ogni minimo segno di inadeguatezza, in questa situazione di governo, è per Domusnovas un grave danno amministrativo e di immagine.»

«Tutta l’opposizione unita e la maggioranza assoluta del paese chiedono le immediate dimissioni di tutta la Giunta. Bisogna rimettere il mandato in mano agli elettori che, se avessero saputo della condanna prima del 5 giugno – concludono Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru -, non avrebbero assolutamente affidato la rappresentanza del Comune alla lista Deidda/Ventura, e non avrebbero di certo dato al Deidda gli oltre 400 voti che hanno consentito alla lista Ventura di vincere le elezioni.»

G.p Cirronis

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità