NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Portoscuso. Riparte da Cagliari la mobilitaziOne Eurallumina

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Il servizio Valutazioni Ambientali dell'Assessorato all'Ambiente della Regione Sardegna, riprende le Attività dopo la sospensione delle procedure autorizzative, come ogni anno, prevista per l'intero mese di Agosto e regolamentata dalla norma specifica. In linea con “ la mobilitazione permanente” già decisa dall'Assemblea Generale dei Lavoratori Eurallumina, il giorno Giovedì 1 Settembre, la RSU ed una delegazione di Lavoratori sarà puntualmente impegnata in un presidio presso la sede dell'Ente Regionale.
OCCORRE RICORDARE LE MOTIVAZIONI DELLA MOBILITAZIONE PERMANENTE , IL PERCORSO EFFETTUATO NELLA VERTENZA E GLI STEP SUCCESSIVI CHE CI ATTENDONO :
1)La RSU e una delegazione di lavoratori Eurallumina hanno effettuato anche nel mese di Luglio, una serie di presidi presso l’ Assessorato all’ Ambiente della Regione Sardegna in via a Roma Cagliari, per monitorare le attivita' procedurali inerenti la vertenza Eurallumina e relative alle autorizzazioni necessarie all’ avvio del piano di ripresa produttiva.
Mobilitazione che non si è “mai” fermata con gli allerta meteo invernali e neanche con i 40 gradi estivi, per sottolineare, qualora fosse necessario, la determinazione che mai è venuta meno in questi anni di lotta per l’ affermazione del diritto al lavoro delle tute verdi sulcitane .
2) le iniziative della prima settimana di Maggio 2016, svolte a Roma ,nel Sulcis Iglesiente e a Cagliari , avevano l’ obiettivo di mettere in evidenza, a livello nazionale, e regionale , le criticità emerse nel percorso autorizzativo, sottolineando in maniera particolare che quanto acquisisto con i vari accordi sottoscritti negli anni , non trovava applicazione in ambito regionale e locale ,pregiudicando il buon esito della vertenza .
Le conseguenti interlocuzioni a tutti i livelli istituzionali ( locali e Nazionali) hanno prodotto un rilancio dell’ attenzione verso la vertenza e l' incentivo a risolvere le situazioni non condivise, insieme alla necessità di utilizzare il tempo indispensabile per poter rispondere, nel modo più esaustivo possibile, al voluminoso fascicolo integrativo ( non prescrittivo ) risultante dalla Conferenza dei Servizi del 29 e 30 Dicembre 2015, favorendo inoltre un dialogo costruttivo tra ente regionale e Ex Provincia Carbonia Iglesias ; infatti, nell’ ultima decade di Giugno si sono svolti alcuni incontri tra consulenti e tecnici dell’ Eurallumina e quelli dell’ Assessorato all’ Ambiente per esaminare nei dettagli alcuni dei punti indicati nel fascicolo integrativo. Richieste di chiarimenti e integrazioni al progetto di ripresa produttiva , che per essere adeguatamente istruite e completate , avevano visto l’ azienda Eurallumina richiedere e ottenere una proroga di 90 giorni a partire dal 15 Maggio 2016 , un periodo ritenuto sufficiente e che, come comunicato alla RSU , vedrà la consegna definitiva entro i termini previsti, ovvero il 15 Settembre 2016. Percorso monitorato con costante attenzione da parte del Governo, con il coordinamento del Consiglio dei Ministri , del Ministero dello sviluppo economico e dell’ Ambiente , della Presidenza della Giunta regionale, degli Assessorati coinvolti ( industria , ambiente ) e il supporto del coordinamento del Piano Sulcis , insieme alla presenza ai tavoli dei massimi responsabili della RUSAL negli incontri al vertice svolti a Roma nel mese di Giugno e Luglio 2016 .
Sempre più frequenti le presenze di dirigenti e tecnici della proprietà Rusal in visita operativa nello stabilimento a Portovesme , per seguire con il managemant locale quanto già realizzato e quanto in programma per i prossimi mesi , esprimendosi positivamente su quanto realizzato e sullo stato manutentivo degli impianti , salvaguardato dalle attività dei lavoratori e delle lavoratrici Eurallumina con la parte assegnata in appalto , che vede tutti i giorni circa 100 addetti varcare i cancelli ( i diretti si alternano in turni di rotazione e 24 di essi, da un anno, sono già stati reinseriti nei tre turni h24 per la gestione dell'impianto di trattamento delle acque ) , in una realtà che ha fermato la produzione , ma che non ha mai chiuso definitivamente e che oggi spinge, in concorso con parti sociali e istituzioni, per riprendere le attività produttive .
Sulla vicenda “ sclassificazione degli usi civici nelle aree industriali “ ( problema che vale per tutta la Sardegna) il Consiglio Comunale di Portoscuso ha deliberato positivamente dando avvio all’ iter previsto dalla legge , con l'auspicio che possa concludersi a breve , con i passaggi obbligati dalla burocrazia. Per questo chiediamo urgentemente un definitivo pronunciamento della Regione Sardegna , per evitare che le decisioni prese possanno trovare ostacoli a livello nazionale ;

3) puntualizzazione indispensabile sulle bonifiche e le vicende giudiziarie che costantemente vengono richiamate all’ attenzione , in particolare da alcuni organi di stampa :

a) La posizione della RSU e dei lavoratori è sempre stata chiara e netta : la Magistratura e gli organi inquirenti devono fare il loro lavoro , ma solo al termime dei procedimenti giudiziari si potranno attribuire le responsabilità alle persone chiamate in causa .
Accostare costantemente i procedimenti giudiziari allo sviluppo della vertenza e’ pretestuoso, strumentale e fuori luogo ;

b) Le aree del sito di stoccaggio denominate “C” e sala pompe ( da dove ci sarebbe stata la fuoriuscita di liquido rossatro che causo’ il sequestro del sito nel settembre 2009 ) sono stati dissequestrati il 14 novembre 2014 ;

c) Il 24 aprile 2015 il Ministero dell’ Ambiente ha ratificato il “Protocollo d' intesa per la ripresa dell’ attvità produttiva dello stabilimento Eurallumina e messa in sicurezza bonifica dell’ area dei bacini fanghi rossi “ , sottoscritto dal Min . Ambiente , Mise , Reg . Aut .Sardegna Assessorato della difesa dell’ ambiente , Gestione Commissariale ex provincia Carbonia Iglesias , comune di Portoscuso , Consorzio Industriale Provinciale Carbonia Iglesias , Arpa Sardegna , e dalla stessa Eurallumina .

d) Atto fondamentale è stato la restituzione da parte di Eurallumina , attraverso apposita fidejussione, degli importi anticipati dal Min . Ambiente per la messa in sicurezza durante il periodo di custodia da parte del Ministero dell’ Ambiente , per l’ ammontare di Euro 5.533.688,88 ;

e) Conseguentemente la presa in carico della ”messa i sicurezza attraverso autonoma gestione “, iniziata nel Luglio 2015 , con l’ attivazione dell’ impianto T.A.R.I. ( inizialmente in maniera congiunta con la ditta incaricata dal Ministero) dal mese di Marzo 2016 , in misura completamente autonoma da parte dell’ Eurallumina , dopo una lunga serie di collaudi e verifiche da parte degli enti preposti ;

f) Per operare a questo scopo sono rientrati in servizio in tre turni avvicendati h 24 dal mese di luglio 2015 , 24 operatori addetti all’ impianto TARI , oltre ai 12 tecnici analisti del laboratorio chimico .

L’ impianto e i trattamenti stanno fornendo dalle analisi certificate ottimi risultati ; con la soddisfazione da parte dei fornitori degli additivi necessari e dei servizi annessi , che hanno visto svilupparsi le loro attività , cosa non da poco vista La grave crisi ;

g) Nell’ ultima istanza di dissequestro delle aree del sito di stoccaggio denominate “ A” e “B” ancora vincolate , il magistrato titolare del procedimento indicava due prescrizioni : la totale gestione del trattamento acque di falda ( impianto T.A.R.I. già realizzato e perfettamente funzionante ) e la realizzazione di 24 pozzi di emungitura dell'acqua di falda , definiti “BARRIERA IDRAULICA” , reale garanzia di salvaguardia della stessa falda . Opere realizzate e completate ( vedi importo investimenti sul rapporto Piano Sulcis ) :
l’ impianto è stato collaudato a metà Luglio 2016, con verifica da parte dei tecnici del settore Ambiente della Ex Prov insieme all' Arpas. Si è ora in attesa del documento relazione del sopralluogo eseguito , dopo la ripresa del servizio degli enti preposti il 24 Agosto , che sarà allegato alla prossima nuova istanza di dissequestro ;

h) Anche all’ interno dello stabilimento proseguono le opere di bonifica: realizzazione barriera idraulica interna e caratterizzazione aree di impianto per successivi interventi di ripristino. Le visite e l’ attenzione dei tecnici e dirigenti Rusal è sempre più frequente e attiva .

i) La RSU Eurallumina a nome delle lavoratrici e dei lavoratori, si rammarica della scarsa attenzione prestata all' impegno profuso per porre rimedio agli errori ( in fase di accertamento) che si possono essere prodotti nel passato ( eredita ‘ prevalente dal periodo gestionale delle partecipazioni statali , complice anche la mancanza nel trascorso di sensibilità ambientale e di norme specifiche e restritive come quelle odierne) e verso l'impostazione di una nuova linea di azione mirata al rigoroso rispetto delle leggi e delle norme in materia ambientale . Quanto si sta facendo in positivo è anche frutto della lotta e della resistenza dei lavoratori, che ha fatto si che la Rusal continuasse a credere in un progetto di ripresa produttiva e ad investire ingenti risorse, in modo particolare sul fronte ambientale , per la tutela dei lavoratori e delle comunità che ospitano la nostra fabbrica .
Le bonifiche devono essere fatte con gli impianti in marcia e con i lavoratori impegnati a produrre!!! E non nella desertificazione lavorativa …. e sociale .

I lavoratori ogni giorno con la loro professionalità operano negli impianti così delicati a loro affidati e sopratutto vigilano per raggiungere l’ obiettivo della corretta gestione dei parametri ambientali . Possibile a tutti consulare sul sito istituzionale della Regione Sardegna , il rapporto Piano Sulcis , dove vengono indicati le opere e gli investimenti realizzati sul fronte della tutela ambientale .
Solo chi non vuol vedere e non vuol sentire puo’ continuare a divulgare notizie false e allarmistiche , da utilizzare per i propri fini , non certo nobili e a vantaggio delle comunità a cui si rivolge per trovare consensi .
Il territorio , la Sardegna , il comparto industriale nazionale , non puo’ privarsi di un cosi imponente progetto industriale, ne sono convinti i piu’ a tutti livelli , dal fronte politico istituzionale , alle forze sociali , al il sindacato , sarebbe un vero suicidio rinunciare ad investimenti e a questa opportunita’. Gli investimenti propedeutici all’ obiettivo DI RIPRESA PRODUTTIVA DI EURALLUMINA (che piu’ volte abbiamo illustrato) sono quantificati in oltre 200 milioni di euro , per un impatto occupazionale di 357 lavoratori diretti ( circa 100 nuove assunzioni ) , 270 degli appalti per 36 mesi ( 150 poi stabilizzati per le manutenzioni ) , oltre 200 tra indotto e servizi ( mensa , trasporti , fornitori ) , per un moltiplicatore economico che con le rispettive famiglie , coinvolge migliaia di persone ed è indispensabile per la ripresa economica e sociale dell’ intero territorio. Territorio martoriato da tante problematiche, alcune a noi molto vicine per genere, verso le quali i Lavoratori Eurallumina sono sempre stati sensibili:
La RSU , le lavoratrici e lavoratori Eurallumina esprimono l’ auspicio per la positiva e celere risoluzione della vertenza ex Alcoa , per i lavoratori , per le loro famiglie , per il consolidamento della filiera dell’ alluminio e per il rilancio del comparto industriale tutto, nel suo complesso, situazione che la RSU Eurallumina ha sempre ribadito, in occasione degli incontri svolti a tutti i livelli istituzionali . RSU e lavoratori hanno sempre sollecitato e aderito ad un fronte unitario di azione di rivendicazione territoriale , per tutti i settori produttivi e dei servizi e nel momento in cui sarà promossa tale iniziativa , saranno pronti “ come sempre “ a fare attivamente la loro parte .
Non ci siamo mai fermati,
questo il calendario piu’ prossimo per gli appuntamenti piu’ importanti ;
il 24 agosto ha ripreso l’ attività il settore ambiente della Ex Provincia , abbiamo già sollecitato l’ ente e auspichiamo che da subito , venga trasmessa la relazione sulla barriera idraulica, propedeutica al dissequestro delle aree relative al sito di stoccaggio ancora vincolate.
Continuiamo con le iniziative di sollecitazione , presso il fronte principale: Assessorato all' Ambiente.
Entro il 15 Settembre l’ azienda consegnerà le risposte alle integrazioni richieste e da quel momento riparte il conto alla rovescia per l’ esito conclusivo e definitivo.

La RSU continuerà a monitorare il proseguo della vertenza attraverso interlocuzioni costanti con il Governo , la Regione e gli enti locali , sostenendo a nome di tutti i lavoratori la conclusione positiva dell’ iter autorizzativo e per questo verranno messe in campo le appropriate iniziative di mobilitazione .

Siamo pronti a dare una ulteriore spinta affinchè il verdetto non ci veda penalizzati. Il livello della “Mobilitazione Permanente” verrà adeguata a seconda del risultato che ne scaturirà, come proporzionata sarà la nostra reazione , come sempre fatto , a testa alta, con la determinazione di chi è certo del diritto per cui si batte , senza mai recedere dal raggiungimento dell’ obiettivo prefissato, IL LAVORO .

RSU Eurallumina.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna