NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Thu, Nov
61 Nuovi articoli

Siliqua. Rischiano la vita tra le fiamme e il fumo per salvare il loro bestiame

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

 

Hanno rischiato di morire per salvare il loro bestiame, 800 fra pecore e maiali, rinchiusi nella loro azienda data alle fiamme da un incendiario. L'attentatore ha dato poi fuoco anche a un vicino magazzino: distrutte le riserve di foraggio per l'inverno e i macchinari dell'azienda.
Pierluigi Desogus e la moglie Milena Trastus hanno vissuto le ore più drammatiche della loro vita: «Il nostro primo pensiero è stato quello di mettere in salvo il bestiame: abbiamo sfidato il fumo e le fiamme e ci siamo riusciti».
Nessun dubbio sull'origine dolosa del rogo: «In un capannone non c'è elettricità: abbiamo perso quasi tutto, non capiamo chi possa odiarci a tal punto», dice tra le lacrime Milena Trastus.
Aperta un'inchiesta per dare un volto all'autore dell'attentato.

Unione sarda.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna