NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Thu, Jul
57 Nuovi articoli

Masainas. Una giovane di Carbonia e una di Sant'Antioco arrestate dai carabinieri per tentato furto

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi
 

Due donne, rispettivamente di Carbonia e di Sant'Antioco sono state arrestate ieri pomeriggio a Masainas dai Carabinieri di Giba per un tentato furto in un'abitazione. La centrale operativa di Carbonia dopo aver ricevuto diverse telefonate da parte di cittadini di Masainas che segnalavano in paese un'auto di marca Fiat, con a bordo due donne, che si aggirava con fare sospetto lungo le strade. Il comando operativo ricevute le senalazioni ha inviato sul posto la pattuglia dei carabinieri di Giba che subito ha rintracciato l'auto sospetta parcheggiata in Via Roma, dove apparentemente all'interno non c'era nessuno. Uno dei carabinieri però è stato avvicinato da un pensionato che gli ha riferito che una ragazza, a cui aveva offerto persino un bicchiere d'acqua, che si aggirava nella zona con fare sospetto dopo aver si era diretta verso la casa abitata da suoi parenti. I militari dell'arma recatisi subito presso l'abitazione indicata hanno trovato la porta di ingresso spalancata e al suo interno, in camera da letto, F.F. 31 anni di carbonia che scalza era intenta a chiudere il cassetto di un comodino che aveva appena frugato, alla ricerca di qualcosa da rubare. Nel frattempo i carabinieri hanno controllato anche l'auto posteggiata in strada scoprendo che, sdraiata nell'abitacolo, si trovava la complice T.B. anche lei di 31 anni di Sant'Antioco che ha asserito che non sapeva nulla di quanto poteva essere successo in quanto si era assopita in auto e che durante il dormiveglia la sua amica doveva essersi allontanata. Le due di fronte ai carabinieri hanno subito iniziato ad agitarsi minacciando sia i presenti che si erano radunati sul posto e i carabinieri operanti. Ad aggravare la loro posizione una di esse ha gridato ad un carabiniere: "non toccarla o ti do un calcio al basso ventre e ti faccio diventare donna". Dopo una perquisizione i carabinieri hanno trovato in loro possesso un attrezzo multiuso da utilizzare presumibilmente per forzare le porte, che è stato sequestrato, mentre entrambe sono state arrestate. Il Pubblico Ministero di turno, sentiti i fatti, ha disposto il provvisorio arresto domicilaire in attesa del processo per direttissima. I carabinieri, alla luce di quanto successo a Masainas. Hanno sottolineato come la collaborazione tra cittadini e carabinieri ha permesso di arrestare due giovani donne dedite ai furti, pertanto invitiamo sempre a segnalare al numero di emergenza pubblica 112 eventuali situazioni che a prima vista possono anche sembrare normali ma che invece possono nascondere la presenza di persone dedite alla commissione di furti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna