NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
17
Sat, Aug
37 Nuovi articoli

Carbonia. I carabinieri hanno arrestato due Rom per tentato omicidio nei confronti di un 32enne del posto.

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi
 I carabinieri della compagnia di Carbonia domenica sera hanno arrestato due cittadini ROM. Si tratta di B.A. 35 anni A.B. serbo ed il figlio minorenne di 17enne J.A. di Bussolengo, residenti a Caput Aquas, con l'accusa di tentato omicidio nei confronti di un 32enne di Carbonia, disoccupato, residente nella medesima località. Nel tardo pomeriggio i carabinieri sono intervenuti presso un’abitazione di una palazzina di Caput Acquas, per una segnalazione di una lite in corso tra vicini di casa. I carabinieri giunti sul posto, dopo una rapida indagine navrebbero acceratto che a seguito di una discussione sorta per futili motivi, i due cittadini ROM avevano aggredito un loro vicino di casa con una roncola, colpendolo ripetutamente al volto, alla testa e ad una spalla. La vittima, immediatamente soccorsa, è stata trasportata presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Sirai di Carbonia. I sanitari hanno riscontrato sull'uomo delle ferite derivanti da possibili lesioni di arma da taglio, stilando un referto di prognosi di almeno 30 giorni. Avviate le indagini i carabinieri hanno rintracciato i due aggressori presso l’ospedale CTO di Iglesias, dove si erano recati per la cura delle lesioni a loro volta riportate a seguito della colluttazione, procedendo proceduto al loro arresto per tentato omicidio. Al termine degli accertamenti sanitari e delle cure, i due cittadini ROM saranno trasferiti rispettivamente uno al carcere di Uta e il minorenne al centro di prima accoglienza di Quartucciu, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna