NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Mon, Nov
40 Nuovi articoli

Cagliari. Attività recenti stazioni Carabinieri della Provincia

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi

Nella serata del 23 novembre, i Carabinieri della Stazione CC di Monastir, hanno tratto in arresto a Ussana per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 23enne, disoccupato, censurato. I Carabinieri attirati da un forte e persistente odore di cannabis proveniente dall’abitazione del giovane, hanno effettuato una perquisizione e hanno rinvenuto all'interno della cantina nel seminterrato, una serra domestica allestita con impianto di areazione, illuminazione a luci alogene, sistema di riscaldamento ed irrigazione, ove erano coltivate 51 piante di cannabis dell'altezza di 80 cm circa provviste di infiorescenze, 60 piantine da poco germogliate e coltivate in bicchierini di plastica. Nella camera da letto del giovane, venivano inoltre rinvenuti circa 14.5 kg di marijuana già essiccata e sbocciolata, in parte già confezionata in buste di cellophane ed in parte dentro barattoli in vetro, oltre un bilancino di precisione, un elettrodomestico per confezionamento sottovuoto e materiale vario per il confezionamento, tutto sottoposto a sequestro, in attesa delle analisi chimico-qualitative. L’arrestato, terminate le formalità di rito veniva posto ai domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell'udienza di convalida prevista per la mattinata odierna.


Il 24 novembre, i Carabinieri della Stazione di Arbus, a conclusione di un’attività d’indagine scaturita dalla denuncia-querela presentata da un 35enne del luogo, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per truffa, una 50enne residente nel sassarese la quale, con artifizi e raggiri, aveva tratto in inganno il denunciante, attraverso un annuncio pubblicato su un sito on line, con riguardo alla vendita di un cucciolo di cane. Nella circostanza la donna era riuscita a farsi versare la somma di euro 500,00, senza aver mai consegnato l’animale per poi rendersi irreperibile.

Il 24 novembre, a Villamar i Carabinieri dei reparti dipendenti dalla Compagnia di Sanluri, hanno arrestato per detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione un 45enne di Villamar, allevatore, censurato il quale, all’esito di una perquisizione effettuata nell’azienda agricola di sua proprietà in quella loc. “Arriviu”, veniva trovato in possesso di una pistola smith & wesson cal. 40, risultata poi oggetto di furto avvenuto in Serrenti nel 2019; 53 cartucce cal. 40; 6 cartucce testa cava ad espansione; 11 cartucce a palla cal. 12, per fucile.
All’interno dell’azienda è stato controllato anche un 46enne del luogo, manovale, pregiudicato il quale, all’esito della perquisizione personale è stato trovato in possesso di un pugnale di 24 cm di cui 12 di lama per cui verrà deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per porto di oggetti atti ad offendere. Il 45enne al termine delle formalità è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Uta a diposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il 24 novembre, i Carabinieri della Stazione di Senorbì, a conclusione di attività d’indagine riconducibile alla querela sporta da una 44enne del luogo, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per frode informatica un 23enne della provincia di Caserta, con pregiudizi di polizia il quale, attraverso l’invio di sms fraudolenti verso l’utenza telefonica mobile della denunciante era riuscito a carpire le credenziali d’accesso del profilo home-banking collegato al conto corrente della stessa e cointestato col marito convivente, e a effettuare 4 operazioni a suo favore per un importo complessivo di circa 10.000,00 euro, frodando così l’ignara vittima.

nota stampa comando CC provinciale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna