NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Mon, Jun
60 Nuovi articoli

Cagliari. Ieri nuovo sit-in della RSU e dei lavoratori Eurallumina davanti all’assessorato regionale dell’Ambiente

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi

Non si stancano i lavoratori dell'Eurallumina di portoscuso a monitorare l'iter autorizzativo per la riapertura della fabbrica. ieri mattina la RSU e i lavoratori Eurallumina hanno attuato un nuovo sit-davanti in, il nono da quando è iniziato l'iter regionale, all’assessorato dell’Ambiente in via Roma a Cagliari. L'obbiettivo è sempre lo stesso:essere presenti per monitorare e verificare il processo delle autorizzazioni ambientali. L’iniziativa dei lavoratori è stata esposta in un documento che pubblichiamo integralmente. I lavoratori chiedono che, «una volta accertata la regolare completezza documentale del progetto da sottoporre a VIA/AIA, non emergano nuove criticità che dilaterebbero ulteriormente i tempi, con gravi conseguenze per l’attuazione del progetto».

COMUNICATO RSU EURALLUMINA DEL 16 OTTOBRE 2015

la RSU EURALLUMINA e una delegazione di lavoratori svolgerà venerdì 16 ottobre 2015 un sit-in presso la sede dell’ assessorato all’ ambiente della regione Sardegna a Cagliari , per monitorare e verificare il processo relativo alle autorizzazioni ambientali . l’iniziativa dei lavoratori ( la nona ) , segue quelle del 28 luglio e quelle svolte nei giorni 1 -2 - 8 -18 e 25 settembre e 1 e 7 ottobre 2015 e che proseguiranno durante tutto il periodo, nelle varie tappe del percorso autorizzativo.
l’iniziativa si svolge a pochi giorni dalla consegna delle integrazioni richieste dopo la verifica degli atti , e che dovrebbe avvenire entro la prima metà della prossima settimana , con il contestuale avvio ufficiale del ‘iter autorizzativo chiediamo che accertata la regolare completezza documentale del progetto da sottoporre a via/aia , non emergano nuove criticità che dilaterebbero ulteriormente i tempi con le gravi conseguenze per l’ attuazione del progetto che queste comporterebbero , non puo’ che permanere , e ribadiamo ;
“la forte preoccupazione delle lavoratrici e lavoratori Eurallumina e con loro i lavoratori collegati come indotto , per i ritardi accumulati nel percorso autorizzativo e la determinazione nel richiedere che gli impegni presi affinché non se ne accumulino altri , vengano rispettati “ ricordiamo ancora una volta ;
il piano industriale e gli accordi istituzionali sottoscritti a tutti i livelli prevedono, per la ripresa produttiva del primo anello della filiera dell’ alluminio investimenti per 185 milioni di euro , l’ impiego di oltre 200 addetti degli appalti per la realizzazione degli impianti e 357 lavoratori diretti ( molti dei quali saranno nuovi assunti ) oltre agli addetti ai servizi ( mensa , trasporti ) , ai fornitori , all’ indotto in generale . progetto che ,per il moltiplicatore socio-economico che viene utilizzato, arriva ad avere una valenza di oltre 1000 posti di lavoro .
tutto questo nel pieno rispetto degli organi autorizzativi quali il “ savi regionale e il settore ambiente della ex provincia Carbonia Iglesias “, sulla loro competenza e imparzialità ' di giudizio , come abbiamo sempre fatto in questi difficili anni di lotta per rivendicare il diritto fondamentale quale e’ il “ lavoro “ , certi che si possano coniugare nel rispetto delle leggi e delle regole ( essendo i primi a pretenderlo) ”ambiente - salute – lavoro “ , al fine di scongiurare che i ritardi possano pregiudicare un cosi importante progetto industriale , per l’ enorme valenza socio –economica , oltre che migliorativa rispetto alla fase pre fermata , dal punto di vista tecnico e ambientale.
i lavoratori e le lavoratrici Eurallumina , senza voler esercitare nessuna pressione , saranno ancora piu’ presenti in tutta la fase autorizzativa per monitorare che l’iter specifico ,seguendo il suo corso normativo, non subisca ulteriori ritardi , e che gli impegni riguardo alla tempistica indicati dall’ assessore all’ ambiente anche nell’ ultimo incontro , e dai tecnici e dirigenti preposti siano rispettati . RSU EURALLUMINA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna