NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Santadi Grotte di Is Zuddas. Sabato 10 ottobre. Notre Paradis_L'inferno, Rassegna d'arte Contemporanea

Spettacolo
Aspetto
Condividi

L'evento, organizzato dall'associazione Deheart in collaborazione con Museo Geopunto Iglesias, le Grotte di Is Zuddas, Società Umanitaria di Carbonia, è curato da Erica Olmetto, direzione artistica Paola Corrias, testo di Riccardo Giuseppe Mereu.
La performance consiste in una video installazione ideata e realizzata dall'artista Federico Cozzucoli all'interno della rassegna d'arte contemporanea Post Organico: The Day After in corso da gennaio 2015, volta a coinvolgere il territorio del Sulcis-iglesiente e i suoi principali sistemi museali. In procinto di trasferirsi nel Nord della Sardegna, l'artista siciliano rende omaggio al territorio sulcitano dove ha vissuto per cinque anni, dedicando ad esso un'opera ispirata alla Divina Commedia in occasione del 750esimo anniversario della nascita di Dante che, nella cantica dell'Inferno, citando il Conte Ugolino, evoca un importante momento storico dell'iglesiente. Il pubblico potrà assistere alla proiezione come ad un dipinto in continuo movimento: l'effetto è dato dalla frammentazione delle immagini creata sia all'interno del video sia grazie agli incredibili riflessi delle rocce sulla parete, accompagnati dalla recitazione cadenzata dei passi dell'Inferno.

La rassegna Post Organico: The Day After, in corso da gennaio 2015, aderisce alla manifestazione con la video installazione NOTRE PARADIS _ L’INFERNO, ideata e realizzata dall’artista Federico Cozzucoli, ospitata presso le Grotte Is Zuddas di Santadi, sabato 10 ottobre dalle 12 alle 18.
In procinto di trasferirsi nel Nord della Sardegna, l'artista siciliano rende omaggio al territorio sulcitano dove ha vissuto per cinque anni, dedicando ad esso un'opera ispirata alla Divina Commedia in occasione del 750esimo anniversario della nascita di Dante che, nella cantica dell'Inferno, citando il Conte Ugolino, evoca un importante momento storico dell'Iglesiente.
Il pubblico potrà assistere alla proiezione come ad un dipinto in continuo movimento: l'effetto è dato dalla frammentazione delle immagini creata sia all'interno del video sia grazie agli incredibili riflessi delle rocce sulla parete, accompagnati dalla recitazione cadenzata dei passi dell'Inferno.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna