NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Mon, Nov
40 Nuovi articoli

Monumenti aperti XXV edizione. Si parte il 23-24 OTTOBRE a COSSOINE E GAVOI

Eventi Manifestazioni
Aspetto
Condividi

Sono 27 i comuni sardi che aderiscono quest'anno alla manifestazione, cui se ne aggiungono 7 nella penisola: secondo questo calendario: 23/24 ottobre Cossoine e Gavoi; 30/31 ottobre Bosa, Castiadas, Genoni, Iglesias, Oristano e Villaputzu; 6/7 novembre Santo Stefano Belbo (Piemonte); 13/14 novembre Cagliari; 20/21 novembre Neoneli, Ploaghe, Pula, San Gavino Monreale e Quartu Sant’Elena; 27/28 novembre Cuglieri, Monastir, Porto Torres e Serrenti; 4/5 dicembre Alghero, Cantù, Castelsardo, Como, Montorfano, Muravera, Ossi, Padria (solo 5 dicembre), Sant’Antioco, Selargius, Tissi e Uta; 11/12 dicembre Bitonto, Ferrara e Roma (solo 11 dicembre). Numerosi e prestigiosi i patrocini che Monumenti Aperti ha ricevuto per questa edizione, a partire dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che affianca la manifestazione per la prima volta, dalla Camera dei Deputati, dalla Presidenza della Regione Autonoma della Sardegna e dal Comune di Cagliari.
La XXV edizione di Monumenti Aperti, curata e coordinata dall’associazione Imago Mundi OdV, dopo un anno di pausa dovuto alla pandemia, si apre sabato 23 e domenica 24 ottobre con i comuni di Cossoine e Gavoi che hanno già preso parte negli anni passati alla manifestazione. In questi prime due giornate, grazie alla volontà e l’impegno delle amministrazioni comunali e alla passione dei volontari, si potranno visitare complessivamente 6 monumenti e partecipare a 2 itinerari.

COSSOINE
Il comune di Cossoine, alla sua terza partecipazione, aprirà ai visitatori 4 siti e queste sono le parole che la Sindaca Sabrina Sassu e l’Assessora alla cultura Alice Carboni dedicano alla manifestazione "È con estremo piacere che partecipiamo per il terzo anno all’evento di Monumenti Aperti. Questo vuole essere per noi monito di ripresa dopo i tempi difficili che tutto il mondo sta attraversando e che ha visto coinvolta anche la nostra comunità. Dopo i successi degli anni passati abbiamo pensato che questo progetto potesse essere esplicativo nella presentazione delle preziosità presenti sul nostro territorio. Grazie all’insostituibile rete di volontariato sviluppatosi in questi anni, alla partecipazione delle scuole, anche i più piccoli svolgono un’importante lavoro di studio e di divulgazione del territorio dove vivono".
Questi i siti visitabili nel comune di Cossoine: il Museo di arte sacra che raccoglie un’abbondante oggettistica ecclesiastica, utilizzata nel paese durante le funzioni religiose, dal XVIII secolo, fino ai giorni nostri e tre chiese: la chiesa di Santa Croce che risale alla seconda metà del XVII secolo ed ha una facciata a capanna con doppia cornice, un portale architravato fiancheggiato da semicolonne che sostengono un frontone timpanato con un giglio di ispirazione tardo gotica; la Chiesa di Santa Chiara che conserva alcuni stemmi gentilizi: uno scudo porta i pali di Aragona; l’altro, ripetuto anche in facciata, presenta tre piccole montagne il simbolo del casato di Serafino Montagnan primo feudatario di Cossoine, oltre dei ballerini con suonatore di liuto e una Annunciazione. I monumenti saranno visitabili gratuitamente, il pomeriggio di sabato dalle ore 15 alle ore 19 e la domenica dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 19.
Sono inoltre previsti due itinerari: Itinerario storico che prevede tappe nei primi insediamenti umani nel territorio del comune del sassarese, con particolare attenzione ai luoghi del seppellire: le Domus de Janas di Bololtine, la Tomba a corridoio dolmenico di Su Truppo e la Tomba di giganti di Su Columbalzu.
A seguito del ritrovamento di un’antica cartina tra gli archivi verrà raccontato il centro del Paese con l’Itinerario cittadino: passando dalla Chiesa parrocchiale di Santa Chiara attraverseremo il centro storico adiacente, con particolare attenzione agli architravi decorati e a quello che rimane dell’antico tessuto urbano del paese.
Entrambi i percorsi avranno durata di circa 20 minuti con 5 visitatori per turno: sabato dalle ore 15 alle ore 19 e domenica dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 19.
Inoltre sabato 23 alle 19:30 nel sagrato della Chiesa di Santa Chiara è previsto un evento musicale a cura della scuola civica di musica del Meilogu – Doppio Diesis.

GAVOI
Gavoi dopo la partecipazione a Monumenti Aperti nel 2007 ritorna nella rete proprio in questa XXV edizione con l'apertura di 2 monumenti importanti per il territorio: la Chiesa parrocchiale di San Gavino, realizzata con un impianto a tre navate in stile tardo gotico aragonese e la Chiesa del Carmelo edificata nel 1643 anche essa è in stile gotico-aragonese, con una sola navata.
Le visite si terranno sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00; dureranno circa 10 minuti e vi potranno accedere 5 visitatori per turno.
Nei due giorni della manifestazione, si svolgerà il Calice dell'amicizia e della solidarietà, una degustazione di vini resa possibile grazie alla collaborazione con le cantine, Santa Maria La Palma, Sedilesu di Mamoiada, Masone Mannu di Monti, Vigne Surrau di Arzachena, Cantina di Santadi, Cantina di Oliena, Vigna di Luceri. L’evento avrà luogo sabato 23 ottobre dalle 11:30 alle 13:30 e dalle ore 16:30 alle 20:30 e domenica 24 ottobre dalle ore 11:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00.
Il Sindaco Salvatore Lai ha affermato che "essere parte del circuito dei Monumenti Aperti è per noi motivo di orgoglio e di grande soddisfazione. Vogliamo far conoscere a chiunque deciderà di raggiungerci, le bellezze di un borgo antico, ospitale, ricco di storia e di cultura. Le nostre piccole guide saranno pronte a descrivere i luoghi di culto che abbiamo scelto di aprire per l’occasione e guidare chiunque vorrà visitarle in un percorso suggestivo. Siamo certi che questa sarà una grande occasione di arricchimento culturale. La bellezza, in tutte le sue forme e manifestazioni, deve essere coltivata e curata."

L’EDIZIONE 2021
Rispetto a quella del 2020, quella di quest’anno sarà una edizione prevalentemente in presenza che vedrà, finalmente, il ritorno dei ragazzi nei monumenti, nelle strade e nelle piazze, pur con il mantenimento di alcune opportune norme di sicurezza. Per poter visitare i monumenti o partecipare agli itinerari sarà infatti richiesta la prenotazione. Pur essendo infatti non più obbligatoria la distanza interpersonale nei luoghi della cultura, Imago Mundi, in accordo con le amministrazioni partecipanti, preferisce gestire comunque prudentemente la partecipazione a visite e itinerari, evitando gli assembramenti. Sarà possibile effettuare le prenotazioni accedendo al sito www.monumentiaperti.com e visitando la pagina dedicata al singolo comune. Per Informazioni sulle prenotazioni si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NORME DI SICUREZZA
La manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19. In base alle disposizioni di legge, l’accesso a tutti i luoghi della cultura al chiuso e all’aperto sarà consentito solo alle persone in possesso della Certificazione Verde Covid-19 (Green Pass ottenuto anche con l’esecuzione, nelle 48 ore precedenti, di un tampone rapido o antigenico molecolare con risultato negativo). L’obbligo di possedere una certificazione verde COVID-19 non si applica nel caso in cui gli eventi si svolgano in piazze, vie o parchi pubblici.
Sono esenti dall’obbligo del Green Pass bambini sotto i 12 anni e i soggetti esenti per motivi di salute dalla vaccinazione in possesso di idonea certificazione medica. Durante le visite sarà̀ in ogni caso sempre necessario rispettare tutte le norme di sicurezza: indossare la mascherina, evitare di creare assembramenti, disinfettare le mani con gli appositi gel posizionati lungo i percorsi.
Per tutte le informazioni dettagliate su disposizioni e orari delle edizioni locali consultare le pagine dedicate.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna