NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
30
Fri, Sep
19 Nuovi articoli

Iglesias. “Be Included:danza per l’inclusione.La Città ospiterà un laboratorio gratuito per giovani.

Eventi Manifestazioni
Aspetto
Condividi

Nel Centro Culturale di Iglesias si è tenuta, nei giorni scorsi, la presentazione di Be Included!, il progetto, promosso dall’Associazione Enti Locali con il sostegno, tra gli altri, del Ministero della Cultura, che intende coinvolgere e sensibilizzare i giovani sul tema della danza e dell’inclusione sociale, ispirandosi alle tematiche care a Pier Paolo Pasolini, di cui ricorre quest’anno il centenario dalla nascita.
Nella sua opera, Pasolini focalizza l’attenzione anche su coloro che eleggono a proprio ideale la condizione dell’anonimato, coloro che scelgono di essere come chiunque. E li condanna, proprio perché si tratta di una scelta volontaria. Li punisce perché “hanno fatto della loro condizione di uguaglianza e di mancanza di singolarità una fede e una ragione di vita”. La sua idea di attivismo e di fare qualcosa per distinguersi, ben si identifica nelle finalità del progetto. Così come il suo spostare lo sguardo, volgerlo ai margini per aprire la vista su mondi differenti e inediti.
La capacità di vederli permette, ancor più nel rapporto con i giovani, di accompagnare e favorire le possibilità di descrizione e analisi di quella parte di mondo. Oggi, così come al tempo di Pasolini lo erano le realtà contadine, vi sono tante periferie che vivono nell’emarginazione dall’offerta e dalle prospettive: sono sacche socialmente pericolose, perché possono degenerare in microcriminalità. Ed è per questo che si rende necessario agire, trovare la giusta chiave per coinvolgerli, per favorire l’inclusione. Promosso dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo e sostenuto dal Ministero della Cultura tra i Progetti Speciali Danza 2022, dalla Fondazione di Sardegna e dalla RAS – Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato PI. BB. CC., con la partnership di importanti realtà della danza e dello spettacolo quali Cocis Sardegna, CEDAC, Associazione Tersicorea, ASMED Balletto di Sardegna, Compagnia Danza Estemporada, Gruppo eMotion, il progetto mira appunto a coinvolgere i giovani di età compresa tra i 14 e i 19 anni in laboratori gratuiti di danza e inclusione sociale, per i quali non è necessario aver già maturato precedente esperienza.
Saranno coordinati da operatori professionisti di danza inclusiva e avranno una durata di 30 ore, suddivise in 15 incontri da 2 ore, con un massimo di 15 partecipanti.

Il Comune di Iglesias ha deciso di aderire al progetto, che ha Francesca La Cava come Coordinatrice Artistica. Ospiterà quindi uno dei tre laboratori programmati per Be Included!.
I 5 ragazzi che si mostreranno più interessati andranno a comporre, insieme ai giovani degli altri paesi coinvolti, il corpo di ballo, diretti da un coreografo professionista che parteciperà a una residenza artistica di 12 giornate.
Parteciperanno al progetto anche tutor di rilevanza internazionale, per offrire un’esperienza professionalizzante e far conoscere ai ragazzi il backstage delle produzioni artistico/culturali.
Verrà quindi realizzato uno spettacolo finale, incentrato sui temi trattati e sulla figura di Pasolini, con focus sull’inclusione, che sarà presentato a Cagliari alla fine dell’anno.

E proprio al grande intellettuale è stato dedicato il reading spettacolo rappresentato ieri presso il Centro Culturale, intitolato ‘Ricordando Pasolini al centenario della sua nascita’.
Lo show è un minirecital per voce e pianoforte, prodotto da ‘La Fabbrica Illuminata’, che ha come protagonisti Elena Pau ed Ennio Atzeni.
Un piccolo omaggio alla figura di colui che è stato poeta e scrittore, drammaturgo e cineasta, e che oggi è anche fonte d’ispirazione del progetto Be Included!.

“Questo progetto rappresenta un’occasione importante per i giovani iglesienti, sotto diversi punti di vista: dalla cultura allo sport, sino alle pari opportunità - commenta l’Assessora alla Cultura e allo Sport Claudia Sanna -. Quest’amministrazione ritiene infatti prioritario capire e provare a soddisfare le esigenze dei più giovani. Per questo è stato bello e importante partecipare a Be Included!. Speriamo che la risposta dei nostri giovani cittadini sia più che mai positiva. Penso in particolare ai tanti ragazzi che partecipano al bando sullo sport”.

“Quest’Amministrazione ha promosso diverse iniziative legate al mondo dello sport, coinvolgendo tutti a prescindere dalle condizioni di fragilità di partenza - aggiunge l’Assessora ai Servizi Sociali Angela Scarpa -. Sono stati invitati anche diversi testimonial d’eccezione, con l’obiettivo di creare occasioni d’incontro e promuovere l’integrazione all’interno del tessuto sociale, facilitando le relazioni, favorendo opportunità utili al consolidamento della comunità. Be Included! rientra quindi perfettamente nella politica della Giunta Usai. Le persone non si sentono incluse se il sistema non apre le porte; per contro quando la società opera attivamente per comprendere e sostenere il prossimo l’inclusione diventa la normale conseguenza”.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna