NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

Cagliari. Ultimi due appuntamenti legati al tema del pane e del cibo organizzati all’EXMA

Cultura
Aspetto
Condividi

Mercoledì 23 settembre si impara a fare il pane con il corso dimostrativo La panificazione alternativa, contaminazioni dal mondo! a cura di Pbread – Natural Bakery di Stefano Pibi. Il laboratorio è pensato per veri buongustai e per chi ha il piacere di dedicarsi ad una cucina sana e naturale. Stefano Pibi ci darà una panoramica dei diversi tipi di lievito madre in Sardegna e nel mondo. Ci illustrerà le più comuni tecniche di gestione del lievito madre, darà una descrizione delle fasi di panificazione e di come gestirne al meglio i tempi. Ci parlerà inoltre di farine di grano tenero, sfarinati di grano duro e di altri cereali e per concludere, si assaggeranno tre diversi tipi di pane tra quelli che ci offre il vasto panorama di ottimi prodotti nazionali e internazionali.

Il corso che inizia alle ore 18 e termina alle ore 21 è aperto a un massimo di 25 partecipanti.

Nell’appuntamento di giovedì 24 settembre durante laboratorio Il pane che non muore mai… se finisce tra le sapienti mani di chi lo ama impariamo invece a riutilizzare il pane.

Il laboratorio a cura di Exma Exhibiting and Moving Arts (Consorzio Camù Centri d’Arte e Musei) in collaborazione con Le Plus Bon, Laore Sardegna e Cantine Cherchi, inizia alle ore 18 e termina alle ore 20 ed è aperto a un massimo di 35 partecipanti.

Quante volte ci è capitato di comprare il pane e non mangiarlo? Quante volte gettiamo nella spazzatura una bella rosetta, un gustoso infarinato o un succulento coccoi, ormai raffermo? Insieme ai professionisti Raffaele Coccodi (Le Plus Bon), Gerardo Piras (Laore Sardegna) e del Consorzio Camù, che animeranno il laboratorio, i partecipanti potranno osservare il pane appena sfornato potendone sentire il profumo, la fragranza, la morbidezza e la croccantezza. Spazio poi agli utilizzi del pane secco e raffermo, con la realizzazione di squisiti piatti in cui tradizione e innovazione piacevolmente si incontrano. I partecipanti potranno inoltre mettere le mani in pasta e prendere parte fattivamente alla realizzazione dell’impasto acquisendo le movenze, la forza e le strategie di chi abilmente realizza quotidianamente questo cibo straordinario che è il pane. La serata si concluderà con la degustazione delle pietanze realizzate precedentemente insieme ai partecipanti, il tutto accompagnato da un vino scelto propriamente per l’evento. È consigliato un abbigliamento comodo, un grembiule e una pettinatura raccolta per chi ha il capello lungo.

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità