NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
65 Nuovi articoli

Portovesme. Partono i corsi di sicurezza ,formazione e attività del Laboratorio chimico

Politica Locale
Aspetto
Condividi



Completato il collegamento per l'approvvigionamento dell'acqua, proveniente dalla barriera idraulica e necessaria all' impianto TARI : a breve ( indicativamente dal 1 Luglio 2015 ), ci sarà l’ avvio delle prove tecniche relative al trattamento acque. Previsto il rientro dei 22 operatori della Sez . 4 .
Malgrado sia ancora distante l’avvio delle selezioni per le nuove assunzioni previste in concomitanza della conclusione della costruzione dell’impianto di cogenerazione, sono già pervenute, presso gli uffici della gestione risorse umane, oltre 200 candidature di giovani locali. Un numero in costante giornaliera crescita, testimonianza della grande aspettativa che vi è dietro il progetto di ripresa produttiva di Eurallumina .

Lunedì 15 Giugno 2015 gli operatori del Reparto Laboratorio dell’ Eurallumina hanno iniziato il corso di aggiornamento alla sicurezza , che si protrarrà anche per il giorno seguente Martedì 16 Giugno . A precedere la frequentazione dei 2 giorni di corso, gli operatori sono stati sottoposti alle visite mediche che si sono svolte il 4 di Giugno .
Il corso per il recepimento delle norme relative alla sicurezza e le visite medico-sanitarie , sono propedeutiche al rientro degli analisti per la formazione riguardante le metodiche di analisi delle acque dell’ impianto T.A.R.I. e ,nello specifico, l’ utilizzo dello “ spettrofotometro UV “ , lo strumento tecnico ,acquistato recentemente, per svolgere le operazioni in carico al reparto del laboratorio chimico .
Ormai concluse le operazioni di predisposizione delle tubazioni e i collegamenti elettrici , Mercoledì 10 Giugno è stato effettuato l ‘innesto nella linea ( oggi utilizzata dalla SIMAM per l'emungimento e il trattamento delle acque) che porterà parte dell'acqua emunta dalla barriera idraulica, all'impianto T.A.R.I. per le prove di trattamento, che aveva già ottenuto tutte le opportune autorizzazioni ( con passaggi tecnici tra il Ministero dell’ Ambiente , Ex Provincia , Arpas e Consorzio Industriale) . Iter autorizzativo che, per la massima attenzione riposta , ha comportato oltre un anno di tempo per raggiungere la completa definizione dello stesso. Nella giornata odierna, presso il consorzio Industriale , verranno definiti gli ultimi dettagli autorizzativi e verrà decisa la data di avvio del vero e proprio trattamento delle acque , che si auspica sia a partire dal 1 Luglio .
Le prove tecniche sul trattamento acque dureranno 60 giorni ; in questo periodo nel Laboratorio si alterneranno, con turnazioni già predefinite , i 15 analisti in organico , la gran parte dei quali non rientrava nel ciclo operativo dal 2009 . .
Per le operazioni inerenti la gestione dell’ impianto T.A.R.I. , affidato alla sez. 4 , verranno richiamati in servizio ( con turnazioni modulate a seconda delle esigenze operative e comprendenti i tre turni ,incluso quello notturno) n° 22 addetti , che in questi anni si sono occupati a rotazione delle manutenzioni del loro reparto e che a breve verranno richiamati per i corsi di sicurezza ,formazione e addestramento alle specifiche operazioni che dovranno svolgere .
Al termine dei 60 giorni , se l’ esito delle prove sarà stato positivo , si procederà alla definita presa in carico della gestione delle acque e della messa in sicurezza , in sostituzione della ditta che dal 2009 era stata incaricata dal Ministero dell’ Ambiente ( quale custode giudiziario) , per garantire la sicurezza del sito di stoccaggio dei residui delle lavorazioni . Per queste operazioni l’ Eurallumina ha restituito le somme che erano state anticipate ed utilizzate per questo fine ( 5 milioni di euro), parte integrante del protocollo d ‘ intesa recentemente sottoscritto che, insieme ad ulteriori 943mila euro, facevano parte dell’ intero importo messo a disposizione dal Ministero dell'Ambiente e che, attraverso apposito accordo di programma tra Ministero e Regione Sardegna , sono stati lasciati nella disponibilità per altre opere di bonifica per l’ area SIN del Sulcis Iglesiente Guspinese e nello specifico per il nucleo industriale di Portovesme . Un importante risultato frutto dell’ impegno di tutte le componenti : dalla RSU di fabbrica , alle organizzazioni sindacali coinvolte , al coordinamento del Piano Sulcis e agli enti locali , Regione Sardegna e Comune di Portoscuso .
Altre notizie importanti sono , l’ impegno sottoscritto Mercoledi’ 4 Maggio con atto notarile a Roma , che prevede l'aumento del capitale sociale di Euralenergy (la società che si occuperà della realizzazione e della gestione del nuovo impianto di cogenerazione ) che da 700 mila euro, interamente versati , salirà progressivamente ,con lo sviluppo degli investimenti , sino a 25 milioni e 700mila euro .
A testimoniare l’ importanza e l’ attenzione che nel territorio viene posta ad ogni pur minimo segnale di prospettiva occupazionale , dal momento in cui è apparso sugli organi di stampa e sui siti istituzionali ( RAS ) il piano industriale per la ripresa produttiva di Eurallumina (che porterà dagli attuali 297 dipendenti diretti ad un organico di 357 lavoratori e lavoratrici e che, per effetto degli ulteriori numerosi pensionamenti che verranno maturati da qui alla effettiva ripresa della produzione, si prevedono un numero tra i 70/90 nuove assunzioni a tempo indeterminato per le professionalità necessarie) , sono pervenute presso gli uffici delle risorse umane della fabbrica , direttamente o tramite raccomandate, oltre 200 curriculum di giovani aspiranti a concorrere ad una possibilità di accesso in Eurallumina , numero che cresce giornalmente.
I delegati della RSU hanno avuto occasione, dovuta alla loro costante presenza in fabbrica, di incontrare molti di questi giovani nel momento in cui consegnavano il loro curriculum: ragazzi provenienti da ogni località del territorio , che hanno riportato su carta ed espresso personalmente ai rappresentanti del lavoratori, le proprie speranze di poter mettere a frutto le competenze maturate nei loro studi universitari , o le qualifiche e professionalità acquisite nei corsi di formazione , tutti con l'unico obiettivo di potersi realizzare nel loro territorio e non dover essere costretti ad emigrare .
A loro, i rappresentanti dei lavoratori , hanno spiegato che il vero periodo utile per presentare le candidature , sarà quello che vedrà la realizzazione dell’ impianto di cogenerazione in fase avanzata ( indicativamente dopo un anno dall’ inizio dei lavori .Per la costruzione sono previsti 24 mesi ed oltre 200 lavoratori degli appalti impiegati ) e solo allora si provvederà alla selezione attitudinale del personale , per poi essere avviati alla formazione e all’ addestramento . E ‘ palese che non potrà esserci risposta per tutti i richiedenti e che le assunzioni previste dall’ Eurallumina non potranno di certo placare la spaventosa “FAME DI LAVORO” di un territorio che batte tutti i record nel campo della disoccupazione , l’ultimo censimento ne conta 37mila408 , ma solo avere la possibilità di poter concorrere ad un'offerta di lavoro e che vi sia una prospettiva in controtendenza con l'andamento occupazionale negativo che tutti possiamo tastare con mano ogni giorno , alimenta una luce di speranza in un tunnel buio che pare senza fine .
Ragazzi e ragazze che aspirano ad un lavoro e che, come appurato dai ragionamenti , credono nell’ industria , ne valutano positivamente l'importante l’ apporto per una economia integrata, sostengono il consolidamento dell’ esistente e lo sviluppo attraverso nuove e più moderne tecnologie .
Per questo alla prossima Assemblea Informativa che si svolgerà Venerdi’ 26 giugno , alle ore 10, presso la sala assemblee dello stabilimento , chi di loro vorrà farlo , potrà parteciparvi e approfondire le proprie conoscenze sullo stabilimento e le sue produzioni, apprendere quale sia lo stato della vertenza e nello specifico del percorso autorizzativo, che dovrà portare, ci auguriamo prima possibile, alla messa in campo degli ingenti investimenti previsti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna