NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
59 Nuovi articoli

Villaperuccio. In attesa delle elezioni del prossimo 5 giugno

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Entra nel vivo a Villaperuccio la campagna elettorale per le prossime elezioni del 5 giugno. Due le liste in campo: "Po Sa Baronia" guidata dall'attuale sindaco Antonello Pirosu che chiede la fiducia ai suoi concittadini per la terza volta e "Ricostruiamo Villaperuccio", con capolista la dirigente della coop. Carbonia Futura Mariagrazia Peis.
nel prossimo consiglio comunale arriveranno molti volti nuovi: infatti con Antonello Pirosu si ricandidano solo tre degli 8 consiglieri di maggioranza uscenti: Marinella Cossu, Roberto Pinna e Sonia Piu.
Allo stesso tempo nella lista guidata da Mariagrazia Peis, battagliera consigliere di opposizione, quasi sempre presente alle sedute di consiglio comunale (a differenza dei suoi colleghi di minoranza) non ci sarà nessun candidato con precedenti esperienze politiche.
Gli osservatori più attenti delle dinamiche elettorali locali, sulla base dei legami di parentela e dei vincoli di amicizia, che come è noto nei piccoli centri come Villaperuccio, sono fondamentali per determinare l'esito del voto, sono riusciti a pronosticare in maniera abbastanza precisa l'esito delle ultime 4 elezioni amministrative. L'assenza dalla contesa dei più importanti protagonisti della vita politica baroniese degli ultimi 25 anni, capaci di catalizzare un notevole numero di preferenze, rende il pronistico molto difficile anche per i più esperti conoscitori della realtà del paese del basso Sulcis.
Infatti hanno deciso di non ricandidarsi Gianluca Piras (in consiglio comunale dal 1993), Damiano Secci e Fabiano Lobina giunti al termine della loro sesta esperienza, così come il vicesindaco Andrea Angius, che detiene il record assoluto di preferenze (ben 102 su un totale di 842 voti) ottenuto alla sua prima esperienza nel 2011.
La stessa decisione è stata presa da Alberto Matta, Marcello Porcina e Antonello Pischedda con gli ultimi due che sono stati rispettivamente vicesindaco ed assessore all'agricoltura nelle giunte guidate dallo stesso Matta tra il 1997 e il 2006 anche loro in consiglio comunale dall 1993.

Quindi in entrambi gli schieramenti ci sarà spazio per tanti giovani. 38 anni l'età media dei candidati della lista guidata da Mariagrazia Peis che punta esplicitamente su <<l' energia e la competenza delle nuove generazioni>>. Il suo programma amministrativo è visionabile nell'albo pretorio online del comune di Villaperuccio. Dunque un gruppo molto giovane, con tanti candidati sotto i 30 anni di età, che come vuole la "prassi" dichiara nella parte introduttiva di non essere <<in cerca di soluzioni personali come le indennità o gettoni di presenza, ricche o povere che esse siano>>. Gli sfidanti oltre ad accusare, sempre da prassi, di <<inerzia totale>> l'amministrazione uscente, fanno <<proposte concrete e realizzabili>> come ad esempio la costruzione di una democrazia partecipativa che consentirà ai cittadini di orientare le scelte dall'amministrazione attraverso il confronto periodico con gli amministratori. Tra gli obbiettivi principali da raggiungere vengono posti da una parte il recupero del legame tra anziani e bambini ( dunque non casuale quindi il nome della lista "Ricostruiamo Villaperuccio") attraverso numerose iniziative e dall'altra la tutela ambientale proponendo, tra le diverse azioni da intraprendere, anche la costruzione di una centrale a pirolisi lenta, umida e catalizzata dalla quale si dovrebbe ottenere del fertilizzante ed energia elettrica.

Attorno ai 45 anni l'età media del gruppo della lista di Antonello Pirosu che gioca di rimessa presentando un ampio rendiconto delle opere svolte durante i suoi dieci di amministrazione, spiegando le difficoltà dell'ultimo periodo superate grazie all'impegno profuso dal personale che ha consentito di spendere tutto il possibile senza dover restituire nessun finanziamento regionale. Pirosu sottolinea <<l'affidabilità e lo spessore umano, dovuto <<alle esperienze di vita e di lavoro>> dei componenti della sua squadra nella quale spicca la presenza di 5 donne.
Senza dubbio il programma della lista Po Sa Baronia, se confrontato con quelli precedenti è assai meno ambizioso, probabilmente a causa delle consapevolezza maturata dall'aver sperimentato, in questi ultimi anni, i vincoli sempre più severi imposti dalle normative e i tagli dei trasferimenti statali.
Quindi è stato maggiormente incentrato sulla realizzazione di quelle opere pubbliche che sono state reputate necessarie per la cittadinanza e il manentenimento ed un eventuale ampliamento delle prestazioni socioassistenziali già fornite.

RED.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità