NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Tue, Aug
25 Nuovi articoli

Carbonia. Festeggiamenti per il 25 aprile 73/mo anniversario della liberazione

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Il Sindaco Paola Massidda e l'intera Amministrazione Comunale di Carbonia invitano la cittadinanza, le autorità politiche, civili, militari e religiose a partecipare alle celebrazioni del 25 Aprile, il 73° Anniversario della Liberazione dal nazifascismo (1945-2018). Questa data è il simbolo della vittoriosa lotta di resistenza militare e politica messa in campo, durante la Seconda Guerra Mondiale, dai partigiani contro il governo fascista della Repubblica di Salò e l'occupazione nazista.
"Renderemo omaggio a tutti gli uomini e le donne che hanno lottato, anche sacrificando la loro vita, per la conquista dei diritti e dei valori della democrazia e della libertà. Conquiste di cui oggi possiamo beneficiare tutti noi. È nostro impegno far sì che la libertà che i nostri padri ci hanno donato 73 anni fa venga difesa contro qualsivoglia forma di oppressione", ha affermato il Sindaco Paola Massidda.
Per festeggiare il 73° Anniversario della Liberazione, domani, mercoledì 25 Aprile alle ore 10, in piazza Roma, il Sindaco Paola Massidda deporrà una corona d'alloro presso la targa dedicata ai caduti per la Liberazione dell'Italia. La celebrazione sarà accompagnata dal sottofondo musicale della Banda Vincenzo Bellini. A seguire, dalle ore 10.30, la sala polifunzionale di piazza Roma ospiterà lo spettacolo teatrale "Storia di una piccola città", organizzato dalla compagnia La Cernita Teatro, insieme all'Anpi sezione di Carbonia e al Comitato Provinciale Carbonia Iglesias, con il patrocinio del Comune di Carbonia. La performance, che si inquadra all'interno del Progetto denominato "Il lavoro mobilita_abitare le storie", è diretta da Monica Porcedda e vedrà la partecipazione di Pietro Carta, Piero Deidda, Lucia Longu, Mariella Mannai, Luciano e Rosanna Sulas. Lo spettacolo sarà incentrato su alcuni temi chiave: famiglia, comunità, memoria, diversità e multiculturalismo. Verrà ricostruita la storia di una piccola città che, appena uscita dalla guerra, si stringe tutta intera attorno ai minatori scioperanti per affermare il suo diritto di esistere. Carbonia è una piccola città costruita a bocca di miniera, che rappresenta il sogno di emancipazione per molti giovani attratti dalla speranza di un lavoro e di una nuova vita. Una città che però, dopo soli dieci anni dalla sua fondazione, mostra i segni della sua esistenza precaria quando i più economici carboni esteri mettono in crisi il settore estrattivo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna