NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Mon, May
24 Nuovi articoli

Cagliari. FIT-CISL SARDEGNA: Polemica sulla gestione Anas sulle strade sarde

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

“Strade sempre più pericolose maggior numero di incidenti e ora con l’arrivo dell’inverno ancora meno personale per il controllo e la manutenzione”. E' quanto denuncia in un comunicato la FIT-CISL SARDEGNA sulla gestione Anas sulle strade sarde. "Era il 09 giugno di quest’anno quando, ricorda il sindacato sardo, l'Amministratore Delegato dell’Anas Simonini veniva in visita in Sardegna e in concerto con gli attuali vertici Regionali annunciava n. 100 assunzioni in Anas per gestire l’esercizio in Sardegna. Peccato però, che la radiografia attuale eseguita dalla Fit-Cisl Sardegna denuncia una situazione della Struttura Territoriale Anas della Sardegna disastrosa. Nello specifico, non solo le assunzioni annunciate sono state una bufala visto, che per il momento, risultano assunte a fronte di 100 unità proclamate, solo tre assunzioni di con la qualifica di Sorvegliante. La situazione emergenziale, già più volte denunciata risulta ampiamente peggiorata nel 2021.
Quest’anno sono state collocate a riposo nell’esercizio n. 43 unità addette al controllo e alla manutenzione delle strade sarde.
Per non parlare dei precari gli autisti dei mezzi speciali, che operano per lo sgombro neve e/o alluvioni, che nonostante la carenza in organico vengono assunti da tre anni per soli tre mesi e sono ancora in attesa di essere stabilizzati.
L’Anas, allo stato attuale, tenuto conto dell’imminente arrivo dell’inverno non è più in grado di garantire la sicurezza sulle strade da lei gestite.
Le OO.SS. hanno chiesto, al riguardo, 08 giugno 2021 un incontro urgente all’Assessore Dei Lavori Pubblici
senza ottenere nessuna risposta alcuna. La Fit-Cisl Sardegna vuole capire come Anas può attuare la Sorveglianza e la Manutenzione sulle nostre strade con soli 27 Cantonieri e 27 Sorveglianti per 3200 Km di strade che gestisce. Questo è di fatto l’organico esistente che si è ridotto nel corso degli anni tenuto conto che nell’anno 2000
erano presenti in servizio 900 unità tra Cantonieri, Capi Squadra e Sorveglianti.
La Fit-Cisl Sardegna fa presente che i pericoli lungo i tronchi stradali della Sardegna, sono dovuti alla grave carenza manutentiva delle carreggiate e dal controllo delle stesse. E’ palese che , un solo Sorvegliante, allo stato attuale non può garantire un adeguato servizio a tutela della sicurezza controllando giornalmente 350
km per colpa della carenza cronica di personale.
Stessa penosa situazione, si ha nella Sala Infomobilità Compartimentale che opera in h. 24 per la gestione del pronto intervento dove mancano allo stato attuale n. 6 unità per gestire le numerose chiamate giornaliere. La Fit-Cisl Sardegna denuncia, che le procedure operative di protezione civile per le quali l’Anas è tenuta ad intervenire, in ottemperanza alle ordinanze emesse dalle Prefetture locali, per eventi idraulici e idrogeologici, oltre agli interventi stagionali riguardanti lo sgombro neve e la prevenzione degli incendi, non riesce più a gestirle con il personale attualmente in servizio.
Per questo, la scrivente segreteria, considerata l’assurda incoscienza a non voler prendere atto dei pericoli più volte segnalati e onde evitare che si riverifichino delle tragedie, come quella accaduta a Olbia chiede con quest’ultima denuncia la necessaria e improcrastinabile assunzione delle maestranze mancanti in Anas, affinché siano ripristinati con urgenza i basilari parametri di sicurezza stradale per cui Anas è demandata ad
assolvere". Il Segretario Generale Regionale Ignazio Lai

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna