NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Mon, Sep
39 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Appello del sindaco Ignazio Locci ai parlamentari sardi a fare fronte comune contro il caro-traghetti

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

 

Contro il caro-traghetti ha preso posizione, con una nota inviata alla stampa, anche il sindaco di Sant'Antioco. Scrive Ignazio Locci: "Con questi prezzi, raggiungere la Sardegna in nave per trascorrere le vacanze è un lusso per pochi. È inaccettabile: per turisti e residenti il viaggio in traghetto è un salasso, una vera e propria stangata a cui i parlamentari sardi devono opporsi con ogni mezzo. Occorre fare fronte comune, se non vogliamo che il turismo subisca un contraccolpo. In alcuni casi si arriva a sborsare cifre da capogiro che allontanano i vacanzieri dalla Sardegna.

Bisogna far sentire la voce dei sardi al nuovo Governo e in particolare al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. Confidiamo sulla volontà dell'esecutivo Cinque Stelle-Lega di essere conseguente ai proclami annunciati in campagna elettorale.

Ci aspettiamo che il governo non consenta a chi utilizza denari pubblici di fare il bello e il cattivo tempo gravando sulle spalle dei cittadini. Questa è una battaglia che non può essere lasciata nelle sole mani della Regione Sardegna, la cui giunta come al solito ha mostrato un atteggiamento remissivo che ha consentito alle compagnie di arrivare a certe tariffe.

È doveroso che i nostri rappresentanti si facciano carico del problema, affinché il Ministero intervenga per consentire il viaggio da e per la Sardegna a prezzi ragionevoli.

Di questo passo, possiamo anche dire addio al diritto alla mobilità dei cittadini. Noi, invece, auspichiamo una continuità marittima che ci consenta di viaggiare alle stesse condizioni di tutti i cittadini europei".

Ignazio Locci - Sindaco del Comune di Sant'Antioco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna