NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Marò, al via il processo ad Amburgo L'Italia: "India molto aggressiva ma noi siamo determinati"

Notizie dal Mondo
Aspetto
Condividi

Al via lunedì il procedimento. Parla l'ambasciatore italiano: faremo valere le nostre ragioni nell'arbitrato internazionale Marò, al via il processo ad Amburgo L'Italia: 'India molto aggressiva ma noi siamo determinati' Sul caso dei Marò, l'India ha manifestato "particolare aggressività", ma noi "siamo estremamente determinati a far valere le nostre ragioni" davanti al Tribunale internazionale del mare di Amburgo. Lo ha detto l'ambasciatore Francesco Azzarello, agente del governo italiano che domani esporrà in aula la posizione italiana."Sarà poi l'Itlos (il Tribunale, ndr) a decidere. La delegazione indiana, nelle osservazioni sottoposte al tribunale, ha manifestato particolare aggressività. Mi auguro però - ha detto il capo della delegazione italiana - che il confronto giuridico si mantenga nei binari della correttezza e della verità. Da parte nostra, abbiamo grande rispetto per l'Itlos". "L'Italia e l'India sono paesi tradizionalmente amici", ha detto ancora l'ambasciatore, ma la vicenda che ha coinvolto i marò "ha purtroppo provocato una controversia giuridica complessa, difficile ed estremamente delicata. L'Italia ha tentato in tutti i modi, attivando canali informali e formali, di trovare una soluzione concordata con l'India. La mancata intesa ha costretto il governo ad attivare una procedura arbitrale internazionale".Lunedì in aula Azzarello esporrà per primo il punto di vista italiano ai giudici per poi lasciare la parola al team di avvocati internazionali. Nel pomeriggio sarà la volta dell'India. Le repliche martedì. L'Italia chiede che Salvatore Girone possa tornare in Italia e che Massimiliano Latorre possa restarvi per tutto il tempo della durata del procedimento arbitrale che si aprirà all'Aja. Chiede inoltre che l'India cessi di esercitare qualsiasi tipo di giurisdizione sul caso che vede i due Fucilieri di Marina accusati di aver ucciso due pescatori indiani nel 2012. La decisione della corte sulle misure cautelari urgenti richieste dall'Italia a tutela di Latorre e Girone non arriverà prima di due-tre settimane.
Redazione Tiscali

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità