NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

II Domenica dopo Natale. Riflettendo ancora sul Natale

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi
e con amore, nella creazione prima, e nella redenzione poi. Il libro della Sapienza e il Vangelo di Giovanni descrivono quest’agire di Dio.

Leggiamo: "La Sapienza esce dalla bocca dell'Altissimo e sostiene ogni cosa”. "In principio era il Verbo, il Verbo era Dio e tutto è stato fatto per mezzo di lui ". Il salmista, contemplando il creato, scrive: "I cieli narrano la gloria di Dio e l'opera delle sue mani annunzia il firmamento". (Sal 19) Il viaggio dell’amore di Dio continua nella storia dell’umanità. La Sapienza, identificata con il Verbo di Dio che si fa uomo, riceve un ordine: "Fissa la tenda in Giacobbe...” ! “E così mi sono stabilita in Sion; nella città, che egli ama, mi ha fatto abitare". La piccola città di Sion e la modesta nazione di Israele diventano la dimora di Dio sulla terra. “Il Verbo si fece carne, e venne ad abitare in mezzo a noi”.
Perché ci ama, Dio ha fatto tutto questo. Scrive l’apostolo Paolo: “ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati nella carità". Dio Padre, pensando all’uomo Gesù, aveva in mente tutti noi, perché fossimo come Lui "santi e immacolati". “Natale” significa rinascere, vivendo da figli di Dio e da fratelli. La prima pagina del Vangelo di Giovanni ci parla quindi di Dio e di noi. Da questa pagina dobbiamo ripartire per riscrivere la storia della nostra vita. Sì ! Sfogliando il Vangelo, e cercando di metterlo in pratica, cresceremo, giorno dopo giorno, come cresceva il Bambino Gesù, in età, sapienza e grazia. A Natale, “Dio si è fatto come noi per farci come Lui”; “a coloro che lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Accogliendo Gesù, riceveremo amore, pace e gioia. “Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo; oggi è nato per voi il Salvatore”, cantavano gli Angeli. “Gloria a Dio nell’alto dei cieli, e pace in terra agli uomini amati da Dio”, “di buona volontà”. A Natale abbiamo conosciuto quanto Dio ci ama e il suo insegnamento; mettendoci un po’ più di buona volontà , avremo amore, gioia e pace; e tutto andrà meglio .
E così sia! Amen !
Padre Nicola, Redentorista