NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

I° Dom. di Quaresima (anno liturgico C) Origine del nome e suo significato

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

Quaresima dal latino quadragesima dies: 40 giorni ci separano dalla Pasqua.
Il numero 40 nella Bibbia ha un significato tutto proprio:
40 giorni di diluvio.
40 giorni Mosè si intrattiene sul Monte Sinai con Dio, mentre il
popolo a valle ne combina di tutti i colori.
40 giorni di Gesù nel deserto, tentato da Satana.
40 giorni di apparizioni di Gesù dopo la Risurrezione.
40 anni di cammino del popolo d’Israele nel deserto verso la Terra promessa.
40 anni di tranquillità dopo ogni liberazione dall’esilio.
40 anni il passaggio da una generazione all’altra.
Il 40 giorni o 40 anni sono l’esperienza di tanti peccati da parte del popolo e di continui interventi da parte di DIO.
Pensiamo, in modo particolare, ai 40 anni nel deserto del popolo d’Israele in cammino verso la Terra promessa.
“Ci hai portato qui a morire di fame e di sete”; così il popolo contestava Mosè; e si costruirono il vitello d’oro, e fecero tanto altro! E DIO mandò la manna, le quaglie; fece scaturire l’acqua dalla roccia; mandò i Profeti, e in fine il Figlio suo Gesù Cristo.
Le tentazioni di Gesù
Le tentazioni che Gesù sopporta nel deserto si presenteranno nella sua vita pubblica. Un giorno, dopo la moltiplicazione dei pani, la folla voleva farlo RE; avevano capito ben poco del suo messaggio!
Erode, la mattina del Venerdì Santo, avrebbe voluto vedere Gesù compiere uno dei suoi miracoli, quasi fosse un giocoliere.
“ Ha salvato gli altri, salvi ora se stesso! Ha detto che Dio è suo Padre: vediamo se scende a liberarlo! Scendi dalla croce …, e crederemo in Te” ! Così lo beffeggiavano sul Calvario.
Gli atteggiamenti dell’uomo
Ciò che è bene e ciò che è male, lo sappiamo tutti; la coscienza ce lo suggerisce. Non siamo noi a stabilire il bene e il male, dobbiamo solo riconoscerlo e vivere di coerenza. Ciascuno deve assumersi le proprie responsabilità; nessuno creda di essere scusato, dicendo: “ Ma dicono tutti così! Fanno tutti così”!
Domandiamoci: ma gli altri, chi sono? Chi ci vuole veramente bene e vuole il nostro bene ? !
Non ogni cibo nutre! Non ogni acqua estingue sete !
Gesù ci dice: “Chi segue me non cammina nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”. “ Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, ed io vi ristorerò” ! “Chi mangia di questo pane, vivrà in eterno” ! Facciamo le nostre scelte! E sarà una santa quaresima!
Padre Nicola, Missionario Redentorista

Pubblicità