NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Mon, Sep
50 Nuovi articoli

Sa cida sulcitana in curtzu. Dae su 6 a su 13 de cabudanni

Novas in Sardu (LSC)
Aspetto
Condividi

Sa cida sulcitana in curtzu. Dae su 6 a su 13 de cabudanni

Custa cida passada, intr’e lùnis e mèrcuris sunt arribados 41 algerinos (parte ddos ant intertzetados in mesu de mare e in parte sunt calados deretos a terra). Comente dònnia borta is Fortzas de s’Òrdine nche-ddos lòmpidos a su tzentru de collidura de Muristenis pro incarrerare is protzeduras de identificadura e de espulsione.
Polèmica manna proite chi ant serradu s’ufìtziu CUP de Giba. Infatis is ùrtimas dies de austu est aparèssidu unu cartellu iscritu a pinna, fortzis dae unu dipendente pagu e nudda pràticu cun su computer e fintzas cun s’italianu, “Uffio CUP è chiuso dal 1/9/2021”. S’ufìtziu at torradu a abèrrere giòbia passadu dae chi Andrea Pisanu, sìndigu de Giba e presidente de s’Unione de is Comunos de su Sulcis, s’et inchietadu meda cun ATS e at protestadu proite chi nemus at avisadu is amministradores locales de sa tancadura – mancai provisòria – de unu servìtziu chi est de importu mannu meda pro totu sa zona de su Sulcis de Bàsciu.


In S.A. Arresi est acabada sa de 36 editziones de “Ai confini tra Sardegna e Jazz” chi ocannu fiat dedicada a sa bonànima de su fundadore Basilio Sulis. Totus is ispetàculos ant bèndidu totus is billetos e at tentu sutzessu mannu siat is esibitziones fatas in is pràgias de Mari de Bàsciu (Masainas) e de Porto Pino siat su laboratòriu musicale dedicadu a is pipios de su mastru polistrumentista senegalesu Dudu Kouate.
Su 10 e s’11 de su mese chi intrat si votat pro is eletziones amministrativas in 8 comunos sulcitanos e ant presentadu is candidados a sìndigu e is listas de is candidados consilieris.


In Carbònia siguramente acabat s’esperièntzia tribolada de su monocolore M5S – a parte is 7 assessores cambiados e is consilieris dimìtidos o passados a s’opositzione, bastat a pensare chi imoi a ùrtimu pro 4 bortas no sunt resessidos a aprovare su rendicontu de s’annu passadu, cosa chi est dannàrgia meda proite chi s’amministratzione non podet pigare gente a traballare e a s’acabada su dannu est pro is tzitadinos etotu. Duncas su M5S att detzididu de si alleare cun Art.1 candidende a sìndigu s’ex consilieri regionale Luca Pizzuto. Sustennint Pizzuto puru su PCI e su PSI: un’alleàntzia noa ma de sabore antigu e chissai chi custas listas no arriciant su votu de calincunu nostàlgicu. Pietro Morittu invècias est espressione de su PD e de àteras 5 listas tzìvicas: intru de custas de sinnialare “Carbonia Avanti” chi fait riferimentu a su consilieri regionale Fabio Usai e “Uniti per rinascere” chi regollit s’ex dirigèntzia de su PD etotu chi a pustis de meses de arresonos at detzìdidu de rinuntziare a sa candidadura de s’ex sìndigu Giuseppe Casti. Su tzentru-dereta proponit sa consiliera de oppositzione Daniela Marras sustènnida dae sa Lega e duas listas tzìvicas espressione de is partidos minores de su tzentru-dereta.

In Domunosa Massimiliano Ventura circat sa cunfirma e depit afrontare 3 fèmminas: Anna Maria di Romano, Isangela Mascia e Maria Giovanna Carta. Fintzas Laura Cappelli circat sa de 2 mandados in Bugerru contras a Ignazio Piras. In Gonnesa ant presentadu 3 listas: una est ghiada dae su sìndigu Hansel Cabiddu, sa de duas dae s’ex sìndigu e consilieri regionale Pietro Cocco e sa de tres de s’ex consilieri comunale Antonello Casu. Siguramente at a èssere una fèmina su sìndgu de Santu Giuanni Suèrgiu: tocat a bìere si abarrat Elvira Usai o si bincit s’abogadu Eloise Carboni. In Masainas si dda gherrant su vicesìndigu Ilaria Portas e s’impiegadu Gianluca Pittoni. In Perdaxus s’isfidant in tres: s’ex vicesìndigu Giacomo Santus, Gianluigi Loru e Luca Argiolas; in Narcau si is cosas ant a andare a comente in is ùrtimas 2 eletziones nc’at a essere batalla manna intr’e sa dotora Maria Rosa Montisci e s’abogadu Antonello Cani. In Villaperùciu currint contras a su quorum su vicesìndigu Marcellino Piras cun is 12 candidados de sa lista “Sa Baronia In Comune”.

a cura di Roberto Pinna

TRADUZIONE

La settimana sulcitana in breve Dal 6 al 13 di settembre

Tra lunedì e mercoledì scorsi, sono arrivati 41 algerini nel Sulcis. In parte sono stati intercettati in mare dai mezzi della Guardia Costiera e in parte sono sbarcati nella scogliera di Capo Sperone per poi essere fermati dalla Polizia. Come sempre il personale delle Forze dell’Ordine, dopo le visite mediche, gli hanno trasferiti al CPA di Monastir dove trascorreranno la quarantena ed inizieranno le procedure di identificazione e di espulsione.
Grande polemica per la chiusura dell’ufficio CUP di Giba. Infatti gli ultimi giorni di agosto è apparso un cartello sulla porta, scritto con un pennarello forse da un dipendente poco pratico con i mezzi informatici e con la lingua italiana, che testualmente recitava: “Uffio CUP è chiuso dal 1/9/2021”. L’ufficio ha riaperto giovedì scorso dopo le proteste di Andrea Pisanu, sindaco di Giba e presidente dell’Unione dei Comuni del Sulcis, che lamentava l’assoluta mancanza di comunicazione nei confronti degli amministratori locali per un servizio che ha un’importanza fondamentale per tutta la zona del Basso Sulcis.

A S.A.Arresi si è conclusa la trentaseiesima edizione di “Ai confini tra Sardegna e Jazz” che quest’anno era dedicata al fondatore della rassegna Basilio Sulis. Totti gli spettacoli sono andati sold out e hanno avuto un grandissimo successo sia le esibizioni nelle spiagge di Mari de Bàsciu (Masainnas) e di Porto Pino sia il laboratorio musicale dedicato ai bambini condotto dal polistrumentista senegalese Dudu Kouate.
Sono stati presentati i candidati a sindaco e le liste dei candidati consiglieri per le elezioni amministrative che si svolgeranno i prossimi 10 e 11 ottobre.

Sicuramente a Carbonia terminerà l’esperienza tribolata del monocolore M5S: a parte i 7 assessori sostituiti e i consiglieri dimessi o passati all’opposizione, basti pensare che ultimamente per ben 4 volte la maggioranza non è riuscita ad approvare il rendiconto in consiglio comunale, fatto piuttosto grave perché blocca di fatto le assunzioni e alla fine dei conti il danno viene causato ai cittadini stessi. Così il M5S, che soffre di una emorragia di consiglieri, ha deciso di allearsi con Art.1 candidando a sindaco l’ex consigliere regionale Luca Pizzuto che è sostenuto anche dalle liste del PCI e del PSI. un’alleanza nuova ma dal “sapore” antico: chissà che qualche nostalgico non decida di votare per queste liste. Pietro Morittu è espressione del PD e di altre 5 liste civiche: tra queste da segnalare “Carbonia Avanti” che ha come riferimento il consigliere regionale del PSdAz Fabio Usai e la lista “Uniti per rinascere” che raccoglie molti esponenti della ex dirigenza del PD che alla fine hanno rinunciato alla candidatura dell’ex sindaco Giuseppe Casti. Il centrodestra invece propone l’avvocato Daniela Marras sostenuta dalla Lega e da due liste civiche espressione dei partiti minori del centrodestra sardo.

A Domusnovas Massimiliano Ventura cerca la conferma ma dovrà affrontare 3 donne: Anna Maria di Romano, Isangela Mascia e Maria Giovanna Carta. Anche Laura cappelli cerca il secondo mandato a Buggerru, il suo avversario sarà Ignazio Piras. A Gonnesa presentate tre lista: la prima guidata dal sindaco Hansel Cabiddu, la seconda dall’ex sindaco ed ex consigliere regionale del PD Pietro Cocco, la terza dall’ex consigliere comunale Antonello Casu. Senza dubbio sarà una donna il sindaco di San Giovanni Suergiu: Elvira Usai sarà sfidata dall’avvocato Eloise Carboni. A Masainas la partita è tra il vicesindaco Ilaria Portas e l’impiegato Gianluca Pittoni. A Villaperuccio corrono contro il quorum il vicesindaco Marcellino Piras con i 12 candidati della lista “Sa Baronia in comune”.