NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec

Iglesias. Rassegna artigianale a Sa Costera, Chiamiamola “Fiera di Iglesias”!

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi


Sono stati circa settemila i visitatori e oltre cento gli espositori che hanno affollato le vie del cuore del centro storico iglesiente, il rione de “Sa Costera”, domenica 22 maggio, in occasione della “Rassegna Artistico Artigianale per la strada”, organizzata dal comitato Quartiere Castello con il patrocinio del Comune e di associazioni e gruppi sportivi. Oltre alle tradizionali figure di artigiani, hobbisti, artisti e produttori enogastronomici, fedelmente presenti ogni anno a questo appuntamento anticipatore d’estate, la novità di questa ventiduesima edizione è stata la Fiera Avicola, organizzata dall’Associazione C.A.O.S. L’evento è stato anticipato, la sera di sabato 21, dalle esibizioni del gruppo musicale itinerante della Large Street Band mentre, nella giornata di domenica, oltre alle dimostrazioni manuali di oggetti artigianali, si è potuto assistere alle esibizioni sportive delle Milly’s Angels e a quelle del giocoliere Mister Ballon; la manifestazione si è conclusa, in serata, con il concorso canoro Cantarte.
Soddisfatti gli organizzatori per la nutrita presenza di visitatori ed espositori giunti da tutta la Sardegna che ogni anno aspettano, con entusiasmo, questa mini-fiera anche se qualche espositore ha notato un calo degli affari che non hanno corrisposto alle aspettative. La Rassegna è stata un richiamo per turisti italiani ma anche stranieri, soprattutto francesi e tedeschi: incuriosite ed entusiaste quattro ragazze brasiliane giunte dalla metropoli di San Paolo che si sono sbizzarrite a fotografare formaggi, salumi, bigiotteria e cestini artigianali commentando, quasi divertite, tutto ciò che si presentava ai loro occhi. Positivi i commenti di molti visitatori: “Ho notato una buona partecipazione e ho apprezzato l’intento di aprire la Rassegna ad altri espositori, come gli allevatori di Ussana e Arborea - afferma un cagliaritano presente ogni anno a questo evento - e ho comprato questo pane artigianale, prodotto a Laconi, che ho avuto modo, più volte, di apprezzare e gustare con piacere”. “Queste manifestazioni dovrebbero essere incentivate di più per valorizzare il nostro centro storico - sottolinea un giovane iglesiente - perché è uno dei più belli della Sardegna: per diventare un vero salottino e rendere più agibile il passaggio non solo per queste occasioni, dovrebbe essere risistemata la pavimentazione di questi viottoli e cercare, partendo da noi cittadini, di mantenerli puliti, evitando di buttare cicche di sigarette e cartacce”. Qualcun altro, nonostante abbia constatato la buona riuscita della Rassegna ricca di esposizioni, ha notato la presenza di due nei: questo evento si è svolto in concomitanza con Monumenti Aperti, quindi far coincidere le due manifestazioni nella stessa data non ha favorito la concentrazione dei visitatori, trovandosi questi costretti a dover scegliere; l’altro commento è stato rivolto ai momenti musicali, di sicuro piacevoli ma poco legati alle tradizioni locali. Alla fine della serata sono stati consegnati alcuni premi: “Miglior Artigiano” ad Angela Sanna, per la filigrana; “Le Mani Sapienti” a Leonardo Steri, impagliatore; “Forestiero più Lontano” a Stefano Locci, produttore di formaggi di Orotelli. Infine il Premio della Critica è stato conferito a Norma Argiolas mentre il Concorso Canoro ha visto, come vincitori, Giovanni Friargiu, Sara Puddu e Michela Ciosci. La Rassegna, nata come una piccola mostra di antichi mestieri, nel corso degli anni ha accolto espositori, produttori enogastronomici e hobbisti: qualcuno dei presenti, per questo motivo, dal prossimo anno, la chiamerebbe “Fiera di Iglesias”.

Mariangela Muntoni

Sulcis Iglesiente Oggi